Proverbi e Detti cilentani

Condividi con:

cop proverbi

I proverbi e i detti cilentani di Castellabate

“Un linguaggio diverso è una diversa visione della vita.”

Federico Fellini

cop proverbi cilentani

Introduzione ai proverbi e detti cilentani di Castellabate

Una raccolta dei principali proverbi e i modi di dire cilentani conosciuti a Castellabate, molti dei quali comuni a tanti altri paesi del Cilento. I proverbi cilentani rappresentano un’antica saggezza popolare tramandata nel tempo, di cui paesi come Castellabate ne sono particolarmente ricchi.

Elenco proverbi e detti cilentani di Castellabate (con traduzione e interpretazione)

Consigliaci altri proverbi o detti cilentani di Castellabate su cilentiamoci@libero.it e li pubblicheremo

proverbi cilentani castellabate san costabile

Sandu Custabele è amante ri frastieri

San Costabile (patrono di Castellabate) è amante dei forestieri – (I paesani sono a favore dei forestieri)


Peppo o mu porto!

“(O lo battezzi) Peppe (e no Giuseppe) o me lo porto!” – (“O come dico io o niente!”)


Ncoppa u’ cuotto l’acqua vudduta

Sopra la scottatura l’acqua bollente – (Le disgrazie non vengono mai sole)


U’ cane mozzeca sembe u’ strazzato

Il cane morde sempre lo straccione – (La sfortuna si accanisce sempre contro i poveri)


Chi sape filà, fila puru cu’ spruocculo

Chi sa filare, fila anche con un bastoncino – (Chi ha delle qualità le dimostra sempre)


proverbi cilentani castellabate licosa

Quanno è nuvolo a Licosa pija a zappa e va posa

Quando è nuvoloso a Licosa prendi la zappa e posala – (Se a Licosa è nuvoloso a Castellabate pioverà)


U’atto care sembe chi pieri nderra

Il gatto cade sempre con i piedi per terra – (Persona che trova sempre una ragione giustificatrice alle sue azioni)


A’ juto a Sessa pe na ciotula!

Sei andato a Sessa Cilento per (comprare) una ciotola – (Hai fatto tanto per così poco)


Tà rato ca zappa ncoppa i pieri!

Ti sei dato la zappa sui piedi – (Sei la causa del tuo male)


Teccuti e dammi cà l’amicizia rura!

Dai e prendi che l’amicizia dura – (L’amicizia si fonda sul dare e sul ricevere)


proverbi cilentani castellabate colombi

U’ palummo addò abbusca dà corre!

Il colombo dove viene picchiato là corre – (Si apprezza di più chi ti tratta male)


Me stipo a mela pe quanno me vene sete!

Mi conservo la mela per quando mi viene sete – (Aspetto il momento giusto per vendicarmi)


A’atta pe fà ambressa facette i figli cecati

La gatta per fare in fretta fece i figli ciechi – (Le cose fatte di fretta non vengono bene)


É nu prucchio sajuto mberteca!

E’ un pidocchio salito in pertica! – (E’ una persona di origine umile che si crede importante)


Chi se corca chi criature a matina se sceta cacato!

Chi si addormenta con i bambini la mattina si sveglia defecato – (Chi si fida delle persone immature si troverà in brutte situazioni)


proverbi cilentani pane tuosto

N’ara mangià pane tuosto!

Ne devi mangiare di pane duro – (Devi crescere)


M’aggià allattato!

Mi sono allattato! – (Sono contento come un bambino che ha bevuto il latte!)


Nun te fà cacà ra i mosche!

Non farti defecare dalle mosche! – (Non crederti così importante!)


Chi chiange fotte a chi rere

Chi piange frega a chi ride – (Le persone che si lamentano sempre hanno di più di chi si accontenta di quello che ha)


Ti mitti inda a’ acito!

Te li metti dentro l’aceto! – (Sono cose poco importanti!)


proverbi cilentani castellabate lampi

Senza cà truoni, cà nu lampa!

Senza che tuona che non ci sono lampi – (E’ inutile quello che stai facendo)


Puro i pulici teneno a tosse!

Anche le pulci hanno la tosse! – (Non sei nessuno e credi di essere importante!)


U’ sazio nu crere a u’ riuno!

Il sazio non crede al digiuno! – (Per comprendere le cose bisogna viverle)


Addò u’ attacchi a matina nu’ truovi a sera!

Dove lo attacchi la mattina non lo trovi la sera! – (E’ una persona inaffidabile)


Sigli e sigli e u peggio te pigli!

Scegli e scegli e ti prendi il peggiore! – (Se perdi troppo tempo a scegliere le cose perdi le migliori)


proverbi cilentani castellabate pioggia

Cà sotta puro nge chiove!

Anche qua sotto ci piove! – (Il tempo mi darà ragione)


Addo arrivi mitti u’ spruocculo!

Dove arrivi metti un bastoncino – (Puoi sempre completare in un altro momento le cose non finite)


L’abbe accoglie, a jastema no!

La beffa colpisce, la bestemmia no – (Colpisce più una beffa che una bestemmia)


Recette u’ pappece a noce “Ramme tiembo ca te spertoso!”

Disse il verme alla noce “Dammi il tempo che ti buco!” – (Col tempo otterrò il mio scopo)


Ma chaindi o scippi?

“Ma pianti o raccogli?” – (“Ma che stai facendo?”)


proverbi cilentani ciuccio

Attacca u’ ciuccio addo rece u patrone

Attacca l’asino dove dice il padrone – (Non prendere iniziative personali)


L’uocchi so peggio re scuppettiate

Il malocchio è peggiore delle fucilate – (L’invidia colpisce più delle fucilate)


Addù viri dà ciechi!

Dove vedi là ti accechi – (Resti sempre dove vedi qualcosa che ti piace)


Fai fa i viermi indo u’ sale!

Fai fare i vermi nel sale – (Sei lento)


Sosciami n’ganna ca mo me coco!

Soffiami in bocca che mi sto scottando – (Che mosceria!)


proverbi cilentani natale

Come Catarinea accussì Natalea!

Come a Santa Caterina così a Natale! – (Come sarà il meteo il 25 novembre così sarà anche il 25 dicembre)


A’ addina se spenna roppo morta

La gallina si spenna dopo morta – (Solo dopo la morte dei genitori si acquisisce la proprietà dei beni)


A’ addina face l’uovo e a u’ addo r’avruscia u’culo

La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sedere – (Si lamenta sempre chi non dovrebbe)


L’acqua ca camina nun mai puzza

L’acqua che scorre non puzza mai – (Le iniziative sono sempre positive)


A’ lanterna mano ai cecati

La lanterna in mano ai ciechi – (Le cose le possiede chi non le utilizza al meglio)
cop proverbi cilentani

Condividi con:
CilenTiAmoci, il portale di Castellabate e dintorni © 2014 Frontier Theme