Giancarlo Giannini chiude la rassegna “Castellabate il luogo dell’incanto”

Condividi con:

Sarà il pluripremiato attore Giancarlo Giannini a chiudere il sipario in grande stile sulla rassegna “Castellabate il luogo dell’incanto”, organizzata dall’Assessorato al turismo e alla cultura e cofinanziata con fondi POC della Regione Campania.

Sabato 1° giugno alle ore 21 in Villa Matarazzo a Santa Maria di Castellabate, Giancarlo Giannini si esibirà nello spettacolo “Le parole note”, incentrato su una serie di brani e poesie sul tema dell’amore.

Villa Matarazzo, Santa Maria di Castellabate
Villa Matarazzo

Si tratta di uno spettacolo che coniuga poesia e musica: Giancarlo Giannini sarà infatti accompagnato dal “Marco Zurzolo quartet”, formato da Marco Zurzolo al sassofono, Carlo Fimiani alla chitarra, Aldo Perris al contrabbasso e Marco Gagliano alla batteria. Autori come Neruda, Garcia Lorca, Marquez, Shakespeare, verranno declamati con l’inimitabile voce calda e penetrante di Giannini che condurrà gli spettatori in atmosfere sublimi, nostalgiche, appassionate e in un viaggio letterario dal Duecento fino ai giorni nostri.



L’assessore al turismo e alla cultura, Luisa Maiuri, dichiara in merito alla chiusura della fortunata rassegna culturale: «Gli appuntamenti organizzati nell’ambito di Castellabate il luogo dell’incanto sono stati un crescendo di emozioni con serate di musica e di teatro che hanno reso il nostro borgo centro culturale di riferimento anche nel periodo invernale e primaverile. Concludere la rassegna con la prestigiosa presenza dell’attore Giancarlo Giannini che, nel corso della sua lunga ed intensa carriera internazionale, ha vinto ambiti riconoscimento quali David di Donatello, Nastro d’argento, Globo d’oro e che l’ha visto candidato agli Oscar, è un ottimo modo anche per anticipare una stagione di eventi estivi di grande richiamo».
Comunicato stampa

Condividi con:

Manutenzione straordinaria strade provinciali: l’elenco dei progetti finanziati

Madonna rotonda Santa Maria di Castellabate
Condividi con:

La Provincia di Salerno con Determina del settore Viabilità e Trasporti, n. 1192 del 6 maggio 2019, ha approvato il Piano Straordinario di Manutenzione delle Strade provinciali – 1° aggiornamento 2019.

Madonna rotonda Santa Maria di Castellabate
Ingresso Santa Maria

“Per il 2019 – spiega il Presidente della Provincia, Michele Strianese – sono programmati investimenti di circa 7 milioni di euro per la manutenzione straordinaria della rete viaria, tra cui gli 8 progetti specifici per un totale di € 2.320.000,00 e i 37 interventi nell’area Nord (Area 1) per un totale di € 2.349.465,00, già comunicati negli scorsi giorni. Inoltre sono previsti altri 32 interventi nell’area Sud, quindi nell’Area 2. Si tratta di progetti finanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per 5 anni. Per le esecuzioni degli interventi sarà utilizzato lo strumento dell’Accordo Quadro, le cui procedure di evidenza pubblica per la selezione dei contraenti sono state avviate con separate determinazioni. Ringrazio per il lavoro svolto tutto il Settore Viabilità e Trasporti, diretto da Domenico Ranesi, e il Consigliere provinciale delegato alla Viabilità, Antonio Rescigno.”



Qui di seguito l’elenco dei 32 progetti finanziati dell’Area 2 per un totale di € 2.388.684,00

94a Lavori nel comune di AULETTA € 137.963,68
SP 442 Lavori nel comune di CAGGIANO (galleria Sigilitto). € 121.373,38
SP 341 Lavori nel comune di SALVITELLE € 36.139,49
SR 103c Lavori nel comune di MONTESANO SULLA MARCELLANA € 130.849,22
SR 103b Lavori nel comune di MONTESANO SULLA MARCELLANA € 7.267,54
SR 562b – SR 562c CAMEROTA – CENTOLA – SAN GIOVANNI A PIRO – SANTA MARINA € 133.700,00
SP 87 Lavori nel comune di CERASO € 10.500,00
SR 562a Lavori nel comune di SAPRI € 10.500,00
SR 562a – SR 562b Lavori nel comune di SAN GIOVANNI A PIRO – SANTA MARINA € 18.450,00
SP 365 Lavori nel comune di CERASO – VALLO DELLA LUCANIA € 118.000,00
SP 433 Lavori nel comune di CASTELNUOVO CILENTO (Salicuneta) € 39.000,00
SP 346 Lavori nel comune di MONTANO ANTILIA € 53.000,00
SR 104 Lavori nel comune di SAPRI € 53.000,00
SR 104 Lavori nel comune di SAPRI (dal km 0+000 al km 1+000). € 10.000,00
SP 130 – SP 349 Lavori nel comune di CASALETTO SPARTANO – TORTORELLA € 36.000,00
SP 66 Lavori nel comune di CAMEROTA (II tornante) € 10.800,00
SP 198 Lavori nel comune di MONTANO ANTILIA € 132.000,00
SP 56b Lavori nel comune di ORRIA € 55.594,48
SP 159a Lavori nel comune di STIO (Gorga) € 134.430,29
SP 56a Lavori nel comune di PERITO € 96.954,54
SR 488e Lavori nel comune di MOIO DELLA CIVITELLA € 52.674,18
SR 447rac Lavori nel comune di PISCIOTTA € 52.000,00
SR 447a Lavori nel comune di ASCEA (km. 7+400 km. 9+700 circa) € 135.972,94
SP 47 Lavori nel comune di GIOI – ORRIA – STIO € 55.840,66
SP 448b Lavori nel comune di PERDIFUMO – SERRAMEZZANA – SESSA CILENTO € 54.000,00
SR 267c Lavori nel comune di CASTELLABATE € 99.196,00
SP 274 Lavori nel comune di CASALVELINO € 126.607,27
SR 267c Lavori nel comune di MONTECORICE (Agnone) € 26.586,13
SP 11e Lavori nel comune di TEGGIANO (km 94+000 km 95+000) € 136.358,75
SP 248 Lavori nel comune di CASTELCIVITA € 114.496,64
SP 44b Lavori nel comune di AQUARA € 133.957,84
SP 13c Lavori nel comune di MONTEFORTE CILENTO € 55.471,18
Comunicato stampa

Condividi con:

Ruote nella Storia: il 9 giugno raduno nazionale di auto storiche a Castellabate

Condividi con:

Castellabate, in provincia di Salerno, noto alle cronache anche per l’ambientazione del film “Benvenuti al Sud”, dove si mostrano le incredibili bellezze paesaggistiche della zona, è il luogo del nuovo appuntamento di Ruote nella Storia, la manifestazione che porta l’eredità culturale dell’automobilismo d’epoca negli scenari più incantevoli d’Italia.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione di ACI Storico con l’associazione i Borghi più belli d’Italia e vede questa volta coinvolto nell’organizzazione l’Automobile Club di Salerno.

L’appuntamento è domenica 9 giugno a piazza Mazzini (Salerno) alle ore 8.00. Qui i partecipanti saranno accolti da un caffè di benvenuto offerto da Sara Assicurazioni di Salerno, potranno accreditarsi e riceveranno i documenti necessari e alcuni gadget dell’evento.

Dalle ore 9.30 partirà la manifestazione vera e propria, con la rievocazione del Circuito Storico di Salerno, il circuito cittadino che, tra il cuore della città e il lungomare, ospitò negli anni ’50 e ’60 alcune edizioni del Gran Premio Città di Salerno, prima che le gare cittadine venissero definitivamente bandite in virtù di un’accresciuta attenzione verso la sicurezza.

Il convoglio di auto storiche partirà poi alla volta di Castellabate, il comune costiero affacciato sul golfo che racchiude in sé la magia del Cilento. Il borgo fa parte dei territori del parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, riconosciuto patrimonio dell’umanità dall’Unesco dal 1998.



Durante il percorso è previsto un check point con controllo a timbro nell’area di Paestum, si proseguirà poi nell’itinerario sino a raggiungere la meta. Una volta giunti a Castellabate avrà luogo una mostra statica delle vetture, che potranno essere ammirate da appassionati e curiosi. È prevista quindi una visita guidata del borgo e del Castello da cui prende il nome.

Alle ore 14.00 i partecipanti potranno pranzare gustando alcuni piatti del territorio presso l’Hotel Hermitage, in località San Marco di Castellabate. La struttura, immersa nel verde e realizzata in un romantico casale del secolo scorso finemente ristrutturato, ospiterà anche le cerimonie di riconoscimento e consegna dei premi. Il pranzo sarà offerto gratuitamente ai soci ACI ed ACI Storico.

Il commiato, con i saluti finali, è previsto per le ore 17.

Le iscrizioni rimarranno aperte sino al 4 giugno 2019.
Comunicato stampa

Condividi con:

“Il Sindaco Pescatore” con Ettore Bassi a Castellabate: le interviste

Featured Video Play Icon
Condividi con:

Nella Basilica di Castellabate è andato in scena tra applausi e commozione “Il Sindaco Pescatore” tratto dall’omonimo libro di Dario Vassallo con i testi di Edoardo Erba e la regia Enrico Maria Lamanna.

La Rassegna “Castellabate il Luogo dell’incanto” ha avuto tra gli ospiti Ettore Bassi eccellente interprete del compianto sindaco Angelo Vassallo.



La rassegna culturale organizzata dall’assessorato al turismo e alla cultura del comune e cofinanziata con fondi regionali si chiuderà il prossimo sabato 1° giugno con Giancarlo Giannini in Villa Matarazzo.

19 Maggio 2019, Basilica pontificia di Castellabate

Guarda il video di Comune di Castellabate – Servizio, immagini e montaggio di Germana Derì

 

Condividi con:

Castellabate: riconoscimento all’illustre medico, con origini cilentane, Nicholas Chiorazzi

Condividi con:

L’amministrazione comunale di Castellabate assegnerà un riconoscimento al professor Nicholas Chiorazzi, illustre medico e ricercatore negli Stati Uniti.

La cerimonia di consegna del riconoscimento si terrà il 27 maggio alle ore 12 presso l’aula consiliare “Corrado Grande” del comune, in piazza Lucia a Santa Maria.

Le radici familiari legano il professor Chiorazzi a Castellabate, i suoi avi sono nati proprio nel comune cilentano prima di emigrare in America. Nicholas Chiorazzi vanta un curriculum pregevole a livello internazionale ed è attualmente a capo del Karches Center per la ricerca sulle leucemie linfocitiche croniche all’Istituto Feinstein a Manhasset, New York.

Suo nonno materno, Nicola Ippolito nato a Castellabate l’11 novembre 1877, giunse a New York il 4 novembre 1899 sulla nave Sempione partita da Napoli.

Il medico si trova in Italia per ricevere il premio “Prof. Aniello Ferrara” promosso dall’associazione “Raffaele Passarelli”. Interverranno alla cerimonia, condotta da Enrico Nicoletta, responsabile dell’ufficio turistico, il Sindaco Costabile Spinelli, la Dott.ssa Enrica Ferrara, il presidente della cooperativa medica “Parmenide”, dott. Luigi Di Gregorio, il presidente della società italiana di citometria, dott. Giovanni D’Arena, il presidente dell’associazione “Avrò cura di te”, dott. Giovanni Luongo.



Il Sindaco, Costabile Spinelli, dichiara in merito: «Una storia di emigranti a noi molto vicina, motivo di vanto per le origini castellabatesi dei suoi nonni e per gli eccellenti risultati professionali conseguiti nella ricerca medica ed in particolare nella cura della leucemia linfatica cronica. È un vero piacere poter accoglierlo nel nostro Comune, legato alle sue radici e mostrargli l’affetto di una comunità che ha storicamente lasciato una parte di sé ben oltre i proprio confini geografici».

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: in città arrivano le reliquie di Sant’Antonio e di San Francesco

Condividi con:

Nel 40° anniversario dalla posa delle prima pietra della Chiesa parrocchiale di “S. Antonio” in Moio, alla vigilia della Tredicina in onore del Santo di Padova, dal 29 al 31 maggio, accoglieremo della nostra Città le Reliquie “ex massa corporis” del Dottore Evangelico, estratte nell’ultima ricognizione della Tomba del Santo, avvenuta nel 2010; accompagnate dai Frati Francescani Conventuali di Padova, le Reliquie sosteranno nella Chiesa a Lui dedicata e visiteranno i luoghi significativi della Contrada Moio.

Nella giornata di ieri, 23 maggio, i Padri Francescani Conventuali hanno comunicato al Parroco, don Carlo Pisani, che unitamente alle Reliquie di S. Antonio giungerà in Città anche una Reliquia di San Francesco d’Assisi, custodita nella Basilica di Padova, per ricordare l’ottavo centenario dell’incontro di Francesco con il Sultano.



Alla luce di questa ultima, il programma subirà una piccola variazione: al termine della benedizione degli allevatori e agricoltori prevista a Trentova, le Reliquie dei due Santi saranno condotte presso la Chiesa “S. Francesco” per un breve momento di preghiera e la benedizione dello scoglio con la Reliquia di San Francesco.
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate: maggiore rigidità nella riscossione delle entrate comunali

Condividi con:

L’amministrazione del comune di Castellabate sceglie di intensificare le attività di recupero coattivo dei crediti in favore dell’ente, attraverso il miglioramento della gestione e della capacità di riscossione delle entrate.

Dopo aver predisposto la mappatura del territorio comunale, la revisione della numerazione civica e della toponomastica, al fine di avviare una capillare attività di verifica del territorio, l’amministrazione guidata dal Sindaco Costabile Spinelli, con la delibera di Giunta Comunale n. 98 del 17/05/2019, ha dato il via agli uffici preposti di mettere in campo azioni mirate al recupero avviando la riscossione coattiva dei crediti di natura tributaria ed extra tributaria, le sanzioni amministrative al codice della strada e le altre entrate comunali.



Il Sindaco Costabile Spinelli dichiara in merito alla decisione: «Pagare le tasse è un dovere di tutti gli utenti per questo, per migliorare la capacità di riscossione delle entrate dell’ente, intendiamo avvalerci dell’affidamento del servizio di supporto alla riscossione coattiva e allo svolgimento dell’attività giudiziale ed extragiudiziarie che, allo stato attuale, non è perseguibile esclusivamente dal personale amministrativo interno. Questo servirà anche a tutelare i contribuenti che, diversamente dai morosi o inadempienti, pagano correttamente e regolarmente i tributi comunali utilizzati per l’erogazione di servizi d’eccellenza di cui tutti i cittadini godono indistintamente».

Comunicato stampa

Condividi con:

Camerota, raccolta differenziata: il Sindaco invia i controlli

Condividi con:

A Marina di Camerota, in via Bolivar, qualcuno non conferisce i rifiuti in modo corretto. Accade così che i vicini contattano il sindaco Mario Salvatore Scarpitta e lo portano a conoscenza della situazione. Immediatamente il primo cittadino si è messo in contatto con il comando locale dei vigili urbani e ha sollecitato i controlli.

Questa mattina, al momento del ritiro della differenziata da parte degli operatori ecologici della Sarim, i caschi bianchi hanno fatto visita alla famiglia. I due sono stati redarguiti verbalmente e sono stati invitati ad osservare con attenzione le norme in materia di rifiuti e il calendario della raccolta differenziata.



«Nei prossimi giorni i controlli aumenteranno con l’avvicinarsi della stagione estiva – dichiara il primo cittadino – i cittadini di Camerota devono dare il buon esempio e i nostri ospiti devono sapere che sul nostro territorio le regole vanno rispettate. In una prima fase i vigili urbani ammoniranno verbalmente i trasgressori, subito dopo si passerà alla comminazione di verbali con importi che lieviteranno in base alla gravità degli illeciti commessi».

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: il Comune concede immobile in comodato gratuito ai Vigili del Fuoco

Condividi con:

La giunta del Comune di Agropoli ha deliberato la concessione d’uso gratuito dell’immobile, già adibito lo scorso anno, a caserma dei Vigili del Fuoco, ai fini dell’attivazione di un distaccamento permanente dei caschi rossi.

Si tratta di un locale, di 700 metri quadrati con 1.000 metri quadrati di spazio esterno, sito in località Mattine. A breve ci sarà la firma della convenzione per l’attivazione del distaccamento estivo, nel periodo compreso tra il 15 luglio e il 15 settembre. Nel frattempo, si attende che il Ministero dell’Interno proceda a prolungare tale servizio durante tutto il corso dell’anno, con lo stanziamento delle risorse umane necessarie.



«Un lavoro iniziato nel 2014 – afferma il sindaco Adamo Coppola – il cui iter prosegue ai fini di installare un distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco sul nostro territorio. Un servizio troppo importante per la città di Agropoli e per i Comuni limitrofi ai fini di un costante e puntuale controllo anche dal punto di vista dei rischi derivanti da incendi e calamità idrogeologiche. La distanza dei distaccamenti di Eboli e Vallo della Lucania, considerati anche il numero di interventi e le zone di competenza, potrebbero non risultare tempestivi ad Agropoli, come per i Comuni di Capaccio Paestum, Castellabate e gli Enti che rientrano nell’Unione dei Comuni ‘Alto Cilento’. La collocazione ad Agropoli – conclude – viene dal fatto che la posizione è baricentrica rispetto ai presidi attualmente attivi, nonché rispetto ad aree di particolare e notevole interesse del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni».
Comunicato stampa

Condividi con:

“Castellabate Film Festival”: sabato 25 maggio si terrà la premiazione

Condividi con:

Sabato 25 maggio alle ore 18 in Piazza Lucia a Santa Maria si terrà la proiezione e la cerimonia di premiazione dei video realizzati dagli alunni dell’I.C. Castellabate per la prima edizione del progetto “Castellabate Film Festival”.

La piazza diventerà per un intero pomeriggio un vero e proprio “villaggio del cinema” grazie all’iniziativa realizzata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del comune e portata avanti in collaborazione con l’I.C. Castellabate e Film Studio.

Gli alunni della scuola dell’infanzia e della scuola primaria e secondaria di I grado hanno partecipato attivamente alla realizzazione dei cortometraggi e degli spot nel corso dell’anno scolastico. Il prossimo 25 maggio i film verranno proiettati durante un evento condotto da Enrico Nicoletta, responsabile dell’ufficio turistico del comune, e da Raffaella Giaccio, giornalista televisiva, e votati da una giuria di esperti composta da registi, insegnanti produttori e operatori culturali.

I temi dei video, ben 7 cortometraggi e 9 spot, intendono lanciare messaggi universali quali l’amicizia, l’ambiente, l’inclusione e il web come risorsa. I premi da assegnare saranno il “Trofeo Castellabate” al miglior film e i “Trofei Flora Giuda” al miglior attore e alla migliore attrice in ogni sezione, un premio dedicato alla figura di un’insegnante molto amata e che nel corso della sua carriera ha dedicato molto tempo a progetti legati alla recitazione.



L’assessore alla Pubblica Istruzione, Elisabetta Martuscelli, soddisfatta della prima edizione dell’attività didattica che ha coinvolto positivamente le classi dell’intero istituto, commenta così l’evento di chiusura: «Un progetto fortemente voluto dall’amministrazione che è stato subito accolto dalla Dirigente scolastica Gina Amoriello e dagli insegnanti, realizzato magistralmente dalla Film Studio di Gianni Petrizzo. I veri protagonisti sono i nostri piccoli attori che stupiranno sicuramente la giuria e il pubblico presente perché, con crescente entusiasmo, hanno realizzato dei piccoli film su temi molto importanti e nel contempo promosso il nostro territorio, rendendo Castellabate ancora una volta set privilegiato per le storie proposte».

Comunicato stampa

Condividi con:

Nasce “Marevivo – Divisione Sub” nell’AMP Santa Maria di Castellabate

Condividi con:

La Divisione Sub Marevivo nasce nell’Area Marina Protetta Santa Maria di Castellabate per opera di Natale De Santis, presidente dell’A.S. Cilento Sub New, e di un gruppo di amici amanti del mare.

Santa Maria

Lo scopo è di promuovere e diffondere una mission importante volta a tutelare la biodiversità, lo sviluppo sostenibile, la valorizzazione e la promozione delle Aree Marine Protette, partecipando anche ad iniziative di salvaguardia ambientale promosse dai vari Enti territoriali. Inoltre, coinvolgendo attivamente il mondo della subacquea, si vuole salvare il mare dalla plastica visto che 134 specie marine del Mediterraneo sono vittime di ingestione di plastica e molte altre ne rimangono intrappolate e uccise

“Il nostro obiettivo principale – dichiara Natale De Santis – è monitorare e ripulire costantemente i punti di immersione della nostra bellissima Area Marina Protetta e trasmettere a tutti il rispetto e l’amore per il mare con la speranza di costruire un mondo in cui l’uomo possa vivere in armonia con la natura.”


Soddisfatto il Consigliere comunale con delega all’Area Marina Protetta Assunta Niglio, che commenta così l’iniziativa: “La grande opera dell’esercito di volontari è fondamentale per migliorare la qualità della vita nei luoghi in cui viviamo, per preservarli e custodirli. Oggi abbiamo tutti il dovere morale di adoperarci per limitare i danni ambientali e Marevivo è, sicuramente, un validissimo interlocutore per la tutela e la difesa della risorsa mare”.

Cosa fa Marevivo

L’Associazione nasce nel 1985. Da allora si batte senza sosta per la difesa del mare e delle sue risorse, generando, nel corso degli anni, una rete articolata di rapporti con istituzioni, cittadini e categorie di settore, su scala nazionale ed internazionale.

Per le sue attività in Italia e all’estero, si avvale del supporto dei comitati scientifico e giuridico, di delegazioni territoriali, di una divisione subacquea e di un’organizzazione capillare di volontari e iscritti.

Le sue attività, i progetti e le campagne in difesa dell’ambiente marino, svolti con l’impegno volontario dei propri associati e con il sostegno di istituzioni e aziende private, puntano a suscitare interesse e consenso, grazie ad una intensa e significativa forza comunicativa, che consente all’associazione di incidere nei processi e nelle politiche di riferimento.
Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli, “Per non dimenticare”: mostra al Palazzo Civico delle Arti

Condividi con:

E’ attiva, presso le sale espositive del Palazzo Civico delle Arti di Agropoli, la mostra “Per non dimenticare” dell’artista Alessandro Leo, a cura di Antonella Nigro.

Critico d’Arte, dedicata ai protagonisti dell’Arma dei Carabinieri che sono caduti in servizio donando la vita per la legalità.

Intensa la collezione delle opere plasmate attraverso l’antica arte della cartapesta leccese che, accuratamente, fa rivivere le figure del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, Salvo D’Acquisto, Marco Pittoni, Vincenzo Carlo Di Gennaro, Francesco Corbeddu, Pasquale Iscaro, Emanuele Reali, Tiziano Della Ratta, Mauro Mitilini, Andrea Moneta, Otello Stefanini.



Atteso il finissage dell’evento che si terrà il 14 giugno, alle ore 18.00, che vedrà la partecipazione dell’artista, delle istituzioni cittadine nella persona del sindaco Adamo Coppola, del consigliere comunale delegato alla Cultura Francesco Crispino, dei rappresentanti dell’Arma e dei parenti dei caduti ai quali sarà fatto dono delle opere in mostra.

La mostra, ad ingresso gratuito, è visitabile, tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.00.
Comunicato stampa

Condividi con:

Camerota: presto al porto il museo del mare e della pesca

Condividi con:

E’ stata firmata martedì la convenzione tra il Gruppo di azione locale nel settore della pesca Flag ‘I porti di Velia’ e il Comune di Camerota. Presso l’ufficio turistico ‘La Perla del Cilento’, infatti, la presidente del Flag, Marilinda Martino, ha sottoscritto la stipula insieme al sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta. Erano presenti, tra gli altri, anche l’assessore al Porto Teresa Esposito, il direttore del Flag Carmine Farnetano, il comandante della capitaneria di porto di Marina di Camerota Sandro Desiderio.

Il museo sorgerà lungo il molo di sopraflutto e promuoverà la valorizzazione della cultura marinara locale e la conservazione della biodiversità dell’area marina protetta Costa degli Infreschi e della Masseta. All’interno verranno allestiti vari spazi con materiali info-didattici e l’esposizione delle attività di studio dell’area focus e immersiva.

Il museo mira a sviluppare sul territorio un ‘nuovo’ sistema turistico-culturale che coinvolge attivamente gli operatori del settore: i pescatori del borgo marino cilentano.



«Finalmente Marina di Camerota, avrà il suo museo del mare e della pesca – ha dichiarato Teresa Esposito -. Ho colto al volo questa opportunità per valorizzare il nostro centro costiero, la nostra storia, le nostre tradizioni, e dare un servizio turistico in più. Sono certa che sarà un punto di riferimento per tutto il Cilento, soprattutto dal punto di vista didattico per le scuole. Mi auguro che questo nuovo gioiellino possa richiamare flussi turistici ed intensificare l’economia locale. Ringrazio il presidente del Flag, la dottoressa Marilinda Martino, il direttore Carmine Farnetano che ci hanno dato questa grande opportunità ed una forte collaborazione, e tutti i tecnici che si sono adoperati per questo progetto».

Il progetto verrà realizzato grazie al contributo economico del Flag, pari a circa 135 mila euro. Chi entrerà nel museo, avrà la possibilità di ammirare un allestimento con modello in scala di una tartaruga e alcuni pannelli informativi volti alla sensibilizzazione della salvaguardia dell’ambiente per ridurre le interazioni con le attività antropiche.

«Il mare è elemento senza il quale Marina di Camerota non avrebbe modo di accogliere migliaia di turisti ogni anno provenienti da ogni dove – aggiunge Scarpitta – ma ai nostri ospiti, prima di accompagnarli alla scoperta dell’area marina protetta, vogliamo fargli fare un viaggio virtuale, dove avranno modo di imparare cosa conserve quell’area e quali meraviglie sono costudite, in genere, in fondo al nostro mare. La cultura marinaresca fa parte della storia di questo popolo e trasmetterla ai visitatori, è nostro dovere. Ci tenevo molto a ringraziare la presidente del Flag Marilinda Martino e il direttore Carmine Farnetano, tra l’altro nostro concittadino, per il grande impegno profuso fin qui. E’ importante sottolineare anche il lavoro dell’assessore Esposito che ha creduto nel progetto sin dal primo momento. Lei, discendente da una famiglia di pescatori, sente forte dentro di se’ l’eco del mare e si spende tanto per queste cose, impegnandosi in tutte le attività inerenti all’ecosistema marino, alla costa e all’area protetta». L’obiettivo che si prefigge il progetto – dunque – è di realizzare un museo per farlo diventare un punto di riferimento per i visitatori, per i ricercatori e per quanti vogliono conoscere, studiare e approfondire la ricchezza di quest’angolo di mare: l’Area Marina Protetta della Costa degli Infreschi e della Masseta.




L’intervento

Con una superficie di circa 125 metri quadri, il locale da destinare a museo, si sviluppa su due quote con un dislivello di circa 80 centrimetri. Il primo intervento previsto è l’adeguamento funzionale per consentire la visita e l’utilizzo anche ai portatori di disabilità motoria. Sono previsti un adeguamento dei servizi igienici, la realizzazione di una rampa esterna del locale e una seconda all’interno che viene utilizzata come percorso museale nell’area tematica della flora e della fauna. Complessivamente si tratta di lavori che non cambieranno la configurazione della struttura. Il museo del mare e della pesca verrà inaugurato prima della fine dell’anno. In questa fase dell’intervento c’è la burocrazia da sbrigare poi si partirà subito con i lavori.

Le aree all’interno del museo

Area didattica introduttiva

All’ingresso viene presentata l’Area Marina Protetta Costa Infreschi e Masseta con una sezione di approfondimento sull’identità storica marittima di Camerota che tratta l’erba sparta e le Strambaie.

Area didattica flora e fauna

L’habitat dell’AMP viene esposto con l’allestimento di acquari e di pannelli illustrativi che forniscono nozioni base sulla biologia e sugli ecosistemi dell’area marina protetta. In questa sezione è possibile vedere dal vivo le specie marine che vivono nell’area protetta e ricevere le relative informazioni.

Area immersiva

In questa sezione i visitatori potranno compiere un “viaggio” negli habitat dell’AMP attraverso l’allestimento di monitor e pannelli illustrativi che potranno consentire la fruizione contemporanea a diversi gruppi in visita. Questa postazione è finalizzata alla creazione di un punto d’informazione didattico dal carattere innovativo e interattivo, che consentirà al visitatore di selezionare dei contenuti didattici scegliendo degli oggetti e posizionandoli su una mappa cartografica.

Area focus

In quest’area potranno essere approfondite la flora e la fauna dell’AMP Costa Infreschi e Masseta. Su un grande piano di appoggio verranno collocati delle riproduzioni in scala di animali corredate da pannelli didattici informativi.

Diorama fondale marino

Ultimo tassello del percorso museale sarà l’allestimento con modello in scala di una tartaruga e di un fondale marino illustrati da pannelli didattici. Con una superficie di circa due mq, posizionato su un banco in legno, verrà realizzato un diorama che riproduce un ambiente marino. La scenografia proposta punta alla sensibilizzazione sulla salvaguardia dell’ambiente per ridurre le interazioni con le attività antropiche.

Gli interventi previsti, funzionali alla realizzazione del museo, saranno lavori strettamente connessi all’allestimento espositivo: opere in cartongesso e controsoffitto, opere in vetro e pavimenti, impianto illuminotecnico.
Comunicato stampa

Condividi con: