“Il Sindaco Pescatore” con Ettore Bassi a Castellabate: le interviste

Featured Video Play Icon
Condividi con:

Nella Basilica di Castellabate è andato in scena tra applausi e commozione “Il Sindaco Pescatore” tratto dall’omonimo libro di Dario Vassallo con i testi di Edoardo Erba e la regia Enrico Maria Lamanna.

La Rassegna “Castellabate il Luogo dell’incanto” ha avuto tra gli ospiti Ettore Bassi eccellente interprete del compianto sindaco Angelo Vassallo.



La rassegna culturale organizzata dall’assessorato al turismo e alla cultura del comune e cofinanziata con fondi regionali si chiuderà il prossimo sabato 1° giugno con Giancarlo Giannini in Villa Matarazzo.

19 Maggio 2019, Basilica pontificia di Castellabate

Guarda il video di Comune di Castellabate – Servizio, immagini e montaggio di Germana Derì

 

Condividi con:

Agropoli, “Per non dimenticare”: mostra al Palazzo Civico delle Arti

Condividi con:

E’ attiva, presso le sale espositive del Palazzo Civico delle Arti di Agropoli, la mostra “Per non dimenticare” dell’artista Alessandro Leo, a cura di Antonella Nigro.

Critico d’Arte, dedicata ai protagonisti dell’Arma dei Carabinieri che sono caduti in servizio donando la vita per la legalità.

Intensa la collezione delle opere plasmate attraverso l’antica arte della cartapesta leccese che, accuratamente, fa rivivere le figure del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, Salvo D’Acquisto, Marco Pittoni, Vincenzo Carlo Di Gennaro, Francesco Corbeddu, Pasquale Iscaro, Emanuele Reali, Tiziano Della Ratta, Mauro Mitilini, Andrea Moneta, Otello Stefanini.



Atteso il finissage dell’evento che si terrà il 14 giugno, alle ore 18.00, che vedrà la partecipazione dell’artista, delle istituzioni cittadine nella persona del sindaco Adamo Coppola, del consigliere comunale delegato alla Cultura Francesco Crispino, dei rappresentanti dell’Arma e dei parenti dei caduti ai quali sarà fatto dono delle opere in mostra.

La mostra, ad ingresso gratuito, è visitabile, tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.00.
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate, “Riflettere le fiabe”: esposizione artistica al castello

Castello dell'abate, Castellabate
Condividi con:

Nelle sale espositive del Castello dell’Abate, nel centro storico di Castellabate, il prossimo 16 maggio alle ore 18 si inaugura l’esposizione artistica dal titolo “Riflettere le fiabe” con animazione per i più piccoli.

Castello dell'abate, Castellabate
Castello dell’abate

Un’iniziativa culturale che gode del patrocinio del Comune di Castellabate e che vedrà l’esposizione di dipinti e disegni ispirati a fiabe e leggende più o meno note.

L’ideatrice e direttrice artistica Marisa Russo, del Gruppo Cilento Arte, ha coinvolto, con la collaborazione dell’insegnante Silvana Margiotta, gli alunni dell’I.C. Castellabate che esporranno le proprie opere insieme a quelle degli artisti Teresa Bisogno, Nicola D’Agostino, Vittoria Donadio, Romeo Lembo, Rita Lepore, Enzo Marotta, Maria Rosaria Verrone, Daniela Vitolo, Yvonne Zellweger.



L’assessore al turismo e alla cultura, Luisa Maiuri, commenta così l’iniziativa: «Da Pinocchio al brutto anatroccolo, da Aladino a Biancaneve, le fiabe sono il modo migliore per riflettere su noi stessi e sul mondo che ci circonda. Le attività ludico creative, inoltre, rappresentano ottimi strumenti alternativi all’uso dei videogiochi o dei cellulari. Attraverso questa mostra pittorica il Castello diventerà un luogo incantato, laboratorio didattico per grandi e piccini».
Comunicato stampa

Condividi con:

Torchiara: nasce “Amuranza”, polo culturale per il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

Condividi con:

Il 28 aprile, ore 19.00, sarà presentato il progetto Amuranza presso il Palazzo Baronale De Conciliis di Torchiara (SA)

Amuranza è una parola del dialetto cilentano che richiama una concezione filosofica del vivere: significa godere la vita diffondendo amore per il bello, per l’arte, nonchè rispetto per la natura, per l’altro, per il diverso. È con questo spirito che nasce il progetto Amuranza, incubatore artistico per il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni grazie al sostegno del Comune di Torchiara e del Forum Giovanile di Torchiara. Un programma di residenze artistiche ed eventi spettacolari orientato a sondare le nuove tendenze delle arti performative quali teatro, danza, musica, videoart e a generare uno spazio di creazione per artisti e compagnie, in un contesto di formazione e partecipazione attiva per la comunità territoriale.

Casa madre di Amuranza sarà il cinquecentesco Palazzo Baronale De Conciliis di Torchiara che si presta a generare un polo culturale per il territorio cilentano, nel rispetto di una tradizione colta e insieme popolare, capace di aprirsi al nuovo e alla contemporaneità. Attori, danzatori, artisti visivi e performer ospitati saranno invitati a sviluppare creazioni inedite attraverso l’analisi del territorio cilentano e delle sue peculiarità, nutrendosi del contatto diretto con i suoi cittadini. I prodotti di questi processi creativi (opere d’arte, spettacoli teatrali, performance, esposizioni) costituiranno l’eredità del progetto Amuranza che arricchirà il patrimonio artistico e integrerà l’offerta culturale del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.



La prima formazione artistica ospitata in residenza sarà la compagnia Bezoart che abiterà gli spazi del Palazzo Baronale De Conciliis lavorando allo spettacolo “Paolo” sulla figura di Paolo Grassi nell’anno del centenario della nascita. Non uno spettacolo documentale, piuttosto una fotografia di uno straordinario uomo prima ancora che un memorabile lavoratore dello spettacolo dal vivo per cogliere un denominatore comune al suo operato, cercando di farne materia universale superando la specificità teatrale per parlare a tutti, soprattutto coloro che non lo conoscono.
Il 28 aprile, dopo la presentazione del progetto Amuranza, si terrà la prova aperta dello spettacolo “Paolo”. Seguirà una degustazione di vini a cura di Viticoltori De Conciliis.

Amuranza è un progetto ideato e gestito da Vittorio Stasi e Cesare D’arco, con il sostegno del Comune di Torchiara.
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate, “Jus primae noctis”: ottimo riscontro per la manifestazione teatrale

Featured Video Play Icon
Condividi con:

Il borgo antico di Castellabate e quello marinaro di San Marco sono diventati scenografia a cielo aperto di uno spettacolo teatrale itinerante, lo “Jus Primae Noctis”. Ancora un ottimo riscontro per le manifestazioni che rientrano nella rassegna culturale “Il luogo dell’incanto”, organizzata dall’Assessorato al turismo e alla cultura del Comune e co-finanziata dal POC Campania 2014/2020.



Interviste all’Assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri e allo scrittore e umorista Amedeo Colella.

Guarda il video di Comune di Castellabate – Servizio di Germana Derì

 

Condividi con:

Castellabate, “Jus primae noctis”: due appuntamenti con le visite teatralizzate

Targa Murat "Qui non si muore" Castellabate
Condividi con:

Utilizzare le stradine e gli scorci più suggestivi del paese come scene di un teatro. È con questo obiettivo che il Comune di Castellabate propone due simpatiche visite guidate nell’ambito de “Il luogo dell’incanto”, la rassegna culturale cofinanziata dal POC Campania 2014/2020.

Targa Murat "Qui non si muore" Castellabate
Borgo medievale

La rappresentazione teatrale, dal titolo evocativo “Jus primae noctis”, conduce tra vicoli e palazzi storici poco conosciuti per uno spettacolo in costume davvero coinvolgente.

Si parte dal centro storico, sabato 30 marzo ore 20:30, con raduno presso il belvedere San Costabile, attraverso un itinerario che comprende Porta de li Bovi, Piazza Perrotti, Cattedrale, Palazzo Matarazzo, Piazza Caduti di Kos.

Si replica con un nuovo scenario, quello di San Marco, domenica 31 marzo ore 19:30 con raduno in Via Marina per la visita al porto e alla storica Villa de Angelis.

Gli attori intratterranno il pubblico per circa un’ora sul tema “amore e morte nel medioevo cilentano” con il testo di Amedeo Colella, umorista e scrittore dell’Associazione “Cultura Nova”.

Gli interpreti Otello Carratù, Mariella Boiano, Orlando di Scola, Marco Ciullo, Amedeo Colella, con i costumi di Alessandra Morelli, trasporteranno gli spettatori in un’epoca lontana.

La trama dell’opera prende spunto infatti da un’antica leggenda: si narra che intorno alla prima metà del 1700 un contadino organizzò un piano per uccidere il Signore del feudo che pretendeva il diritto alla prima notte. Il protagonista per evitare la iattura caduta sul suo matrimonio incontra una serie di personaggi a cui chiede intercessione: Gioacchino Murat, Giovanbattista Vico, l’abate di Cava, l’avvocato Cardone, i fratelli De Angelis, i briganti.

La passeggiata ha una durata di circa un’ora, non si necessita di prenotazione ed è completamente gratuita.



L’assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri sugli appuntamenti di marzo: «Prosegue la nostra rassegna di spettacoli in bassa stagione, organizzata dall’assessorato al turismo e alla cultura congiuntamente al direttore artistico Girolamo Marzano. Le passeggiate teatralizzate sapranno stupire i turisti che nel fine settimana arrivano nel nostro comune per godere del suo incanto, con un format davvero innovativo. Non è, come avviene a teatro, la scena che cambia sul palco ma è il pubblico che si sposta tra una scena e l’altra. In tal modo la commedia valorizza contesti e luoghi suggestivi e offre uno scenario unico allo spettatore».
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate: al castello il Premio internazionale di Poesia “Dal Tirreno al Jonio”

Castello dell'abate, Castellabate
Condividi con:

Il Comune di Castellabate ospita quest’anno nel salone d’onore del Castello dell’Abate il Premio internazionale di Poesia itinerante “Dal Tirreno allo Jonio” con il tema “Ulisse ed il viaggio degli inganni e della speranza”.

Castello dell'abate, Castellabate
Castello dell’abate

Un premio promosso dalla Fondazione “Roberto Farina” Onlus di Roseto Capo Spulico (CS), giunto alla V edizione e dedicata ad Omero, poeta sovrano. Un evento culturale d’eccezione, che si sposta da una parte all’altra della penisola italica e che quest’anno si terrà nelle sale espositive poste al primo piano del Castello dell’Abate, il 16 e il 17 marzo.

Nello specifico sabato 16 marzo alle ore 17 si svolgerà la cerimonia di premiazione dell’evento poetico, accompagnato da intermezzi musicali di arpa e di lira, mentre domenica 17 marzo, dalle ore 10 alle ore 12, si potrà visitare gratuitamente il museo malacologico della Fondazione, che vanta una vasta collezione di conchiglie provenienti da tutti i mari del mondo.

Saranno presenti alla cerimonia, oltre agli autori premiati, il Presidente del Premio Giovanni Mulè, il Presidente della Fondazione Antonio Farina e il Presidente della Giuria, Dante Maffia candidato al premio Nobel per la letteratura.



L’assessore alla cultura Luisa Maiuri dichiara in merito all’evento: «Siamo lieti di essere partner di un’iniziativa culturale di tale spessore, un premio che ad ogni tappa suggella nuove aperture culturali in giro per l’Italia e che per questa edizione decide di parlare di Ulisse nella terra mitologica della sirena Leucosia alla presenza di autori prestigiosi».

Comunicato stampa

Condividi con:

“Castellabate Film Festival”: alunni a scuola di cinema

Condividi con:

Il cinema realizzato dai bambini per lanciare un messaggio universale. È questa la mission del “Castellabate Film Festival” un progetto, ideato e promosso dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Castellabate, grazie al quale la cinematografia e l’audiovisivo entrano a far parte della didattica scolastica.

La manifestazione che coinvolge gli alunni dell’Istituto Comprensivo Castellabate, prevede la realizzazione di brevi video, spot e cortometraggi su temi di interesse sociale. Gli alunni impegnati nel progetto, saranno diretti dal regista Gianni Petrizzo in collaborazione con la dirigente scolastica Gina Amoriello e i docenti dell’Istituto. Gli alunni nella prima fase dei laboratori dovranno cimentarsi con la scrittura della sceneggiatura e successivamente diventare interpreti delle loro storie. I film verranno girati su tutto il territorio di Castellabate che tornerà ad essere set cinematografico per l’occasione.

I cortometraggi realizzati, sedici in tutto, saranno successivamente proiettati e presentati in concorso. Una giuria di esperti decreterà i vincitori, premiati nel corso dell’evento di chiusura del Festival, previsto per il prossimo 26 maggio in piazza Lucia a Santa Maria.



L’assessore alla pubblica istruzione, Elisabetta Martuscelli, commenta così il progetto: «Si immagina una storia, si decidono le riprese, si gira, si monta e i protagonisti del Castellabate Film Festival saranno direttamente gli alunni che durante i laboratori impareranno a comunicare per immagini e a raccontare storie ispirate a tematiche importanti per la loro crescita quali l’amicizia, l’ambiente, il territorio, l’inclusione sociale».

Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate, educazione ambientale a scuola: da lunedì al via le attività

Condividi con:

Il Comune di Castellabate, in collaborazione con l’Azienda responsabile del servizio di igiene urbana Sarim, nell’ambito delle attività di sensibilizzazione e comunicazione ambientale rivolte alla cittadinanza per la promozione del nuovo servizio di raccolta differenziata “porta a porta”, ha previsto un’iniziativa di educazione ambientale per gli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado cittadine.

Da lunedì 11 febbraio, infatti, partiranno azioni mirate di educazione ambientale, al fine di coinvolgere anche le future generazioni ai temi “raccolta differenziata” e “responsabilità sociale”.

L’obiettivo è coinvolgere in maniera divertente i più piccoli sul tema della salvaguardia dell’Ambiente, con l’auspicio di far percepire l’importanza di fare la raccolta differenziata all’interno del proprio contesto familiare, favorendo dunque il successo dell’iniziativa in atto. Oltre alla visita di “Capitan Eco” – eroe buono della raccolta differenziata che effettuerà una serie di incontri di animazione ed educazione ambientale ed intratterrà gli alunni con un intervento che coniuga didattica e divertimento, spiegando loro l’importanza della raccolta differenziata e del riciclo dei rifiuti – gli alunni avranno a disposizione del materiale didattico che gli consentirà, insieme alle loro insegnanti, di approfondire, anche in classe, queste importanti tematiche.



L’assessore all’ambiente Domenico Di Luccia sull’attività informativa in atto: «Prosegue la nostra campagna di sensibilizzazione che, oltre agli incontri con la cittadinanza, estende il suo raggio d’azione coinvolgendo le scuole con tre incontri nelle primarie e nelle secondarie, un’attività che si concluderà con un ulteriore incontro dedicato a tutte le attività alberghiere per dare ufficialmente inizio, il 24 febbraio, a questo innovativo sistema di gestione ambientale».

L’assessore alla pubblica istruzione, Elisabetta Martuscelli, commenta così l’iniziativa: «È fondamentale sensibilizzare quelli che saranno i nostri cittadini del domani per preservare una risorsa che va protetta e custodita e farlo a scuola, attraverso attività ludiche e didattiche, rende l’iniziativa ancora più efficace».

Dello stesso avviso anche la dirigente scolastica dell’I.C. Castellabate, Gina Amoriello, che dichiara in merito agli incontri: «Il nostro istituto è molto sensibile alla tematica ambientale, un argomento ricorrente nelle nostre attività curricolari ed extra-curricolari vista l’importanza di trasmettere ai ragazzi il rispetto dell’ambiente che li circonda, partendo dalle aule scolastiche ed allargando il concetto alla tutela più ampia del nostro territorio».
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate: convegno al castello sui Moti del 1848 nel Cilento

Castello dell'abate, Castellabate
Condividi con:

Il Risorgimento sarà il tema centrale del convegno organizzato dal comune di Castellabate e da quello di Vibonati nell’ambito della partecipazione alla manifestazione “Abbasso il Re! Viva il Re!”, nata per celebrare il 170° anniversario dei Moti del 1848.

Castello dell'abate, Castellabate
Castello dell’abate

Sabato 9 febbraio alle ore 17:30 all’interno del salone d’onore del Castello dell’Abate si terrà un dibattito che toccherà vari temi relativi al periodo storico 1848-1868. A seguire verrà inaugurata la mostra documentaria animata “Tratti di Risorgimento” con le opere artistiche del pittore e scultore vibonatese Emanuele Lione, allestita nelle sale espositive del Castello dell’Abate e visitabile fino al 16 febbraio.



Interverranno, per i saluti istituzionali, l’assessore alla cultura del comune di Vibonati Genny Gerbase e il Sindaco del comune di Castellabate Costabile Spinelli. Si entrerà nel vivo dei contenuti con le relazioni del professor Gennaro Malzone su “La rivolta del 1848 a Castellabate”, il professor Vincenzo Caputo sul tema “Cause prossime e remote dell’emigrazione nel periodo post-unitario”, il professor Vincenzo Abramo sull’argomento “Le masse e i liberali nei moti del 1848”.

L’assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri, commenta l’iniziativa: «Sarà un momento di riflessione su un periodo storico ma soprattutto sui nostri territori, i comuni del Cilento che si sono distinti per la loro partecipazione attiva ai moti insurrezionali del ‘48. Un’epoca avvincente che verrà magistralmente illustrata da docenti e storici locali che attingeranno dalle loro pubblicazioni sul tema, frutto di una seria e appassionata attività di ricerca».
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate: torna il corso gratuito di informatica per la terza età

Condividi con:

L’assessorato alle politiche sociali di Castellabate ripropone il progetto “Alfabetizzazione informatica” che prevede un corso di formazione di base per anziani ed adulti residenti nel comune, rivolto a chi è alle prime armi e vuole impadronirsi dei rudimenti per usare il computer e la navigazione in rete.

Il corso – completamente gratuito – sarà tenuto dai giovani del servizio civile nazionale nei mesi di marzo, aprile e maggio, per un giorno alla settimana in orario pomeridiano, all’interno dell’aula multimediale della scuola secondaria di primo grado di Santa Maria.

Si parte con le iscrizioni per l’edizione 2019 di un’attività già collaudata negli anni precedenti e che ha suscitato l’interesse di molti, grazie al desiderio, molto frequente tra gli anziani, di sentirsi al passo con i tempi.

Per maggiori informazioni l’ufficio di riferimento è quello dedicato alle politiche sociali e all’istruzione, sito nella sede distaccata in Via Roma a Santa Maria di Castellabate: 0974962321 – servizisociali@comune.castellabate.sa.it



«Si tratta di un ritorno davvero atteso per i partecipanti che continueranno ad acquisire nozioni di base sull’uso di computer, tablet e cellulare ma che permette loro anche di socializzare con i più giovani, creando un bel momento di scambio tra generazioni» rivela l’assessore alle politiche sociali, Elisabetta Martuscelli, che aggiunge: «L’Amministrazione ha sempre dimostrato attenzione verso la terza età con iniziative per sostenere la socializzazione degli anziani e il superamento delle problematiche legate al senso di inattività e di solitudine».

Comunicato stampa

Condividi con:

170° anniversario dei moti cilentani: le iniziative a Castellabate

Condividi con:

Il Comune di Castellabate partecipa alla manifestazione “Abbasso il Re! Viva il Re!” in occasione del 170° anniversario dei moti cilentani del 1848 con iniziative sul tema.

“Abbasso il Re! Viva il Re!” è un percorso storico culturale, realizzato dal Comune di Vibonati in collaborazione con la Scabec SPA (Regione Campania) ed il Comune di Alfano, che metterà in rete buona parte dei territori in cui si svolsero gli accadimenti che vanno dal 1848 al primo periodo post unitario.

Una serie di manifestazioni ed eventi per celebrare i personaggi, i luoghi ed i fatti che segnarono quel periodo, fino alla costituzione del Regno D’Italia. Il percorso ha l’obiettivo di attivare e stimolare i flussi turistici legati alla valorizzazione dei beni culturali e di sensibilizzare i residenti sul patrimonio storico culturale locale, anche attraverso il coinvolgimento delle scuole.

Nello specifico a Castellabate si terrà una conferenza, sabato 9 febbraio alle ore 17 all’interno del salone d’onore del Castello dell’Abate, sul movimento insurrezionale iniziato nel Cilento il 17 gennaio 1848 sotto la guida di Costabile Carducci.

Inoltre nelle sale espositive del Castello dell’Abate, dal 9 al 16 febbraio, verrà allestita una mostra documentaria animata dal titolo “Tratti di Risorgimento 1848-1868”.



L’assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri: «Castellabate ebbe un ruolo fondamentale in quel periodo storico, diversi esponenti delle famiglie gentilizie locali infatti insorsero contro le autorità borboniche dando un valido contributo ai moti del Cilento. Attraverso tali iniziative è possibile creare sinergie nuove tra comuni limitrofi e storicamente legati tra loro, con percorsi interessanti che rappresentano anche una valida alternativa culturale e turistica, un vero e proprio viaggio indietro nel tempo tra personaggi, luoghi e ideali».
Comunicato stampa

Condividi con: