Camerota: il “castello di Marina” non è più un sogno impossibile

Condividi con:

Per Marina di Camerota e l’intero Comune, il palazzo marchesale, simbolo storico del borgo marino cilentano, non è più un sogno impossibile. Quello che cittadini e turisti conoscono come il ‘castello di Marina’, è da tempo in mano al curatore fallimentare.

Tanti gli occhi puntati sull’opera che, attualmente, essendo orfana di proprietà, è, soprattutto internamente, fatiscente e in stato di degrado. Ma nella testa di qualche imprenditore fuori provincia, era balzata l’idea di acquistare all’asta il palazzo e trasformarlo in una struttura turistica o, chissà, altro ancora.

E’ qui che è intervenuta l’amministrazione comunale di Camerota. Su proposta dell’assessore Teresa Esposito, infatti, alla presenza del sindaco Mario Salvatore Scarpitta, del vicesindaco Francesco Calicchio, dell’assessore Vincenza Perazzo e dell’assessore Giovanni Saturno, è stata sottoscritta una delibera di giunta, la numero 48 del 15 aprile 2019, dove gli amministratori chiedono di applicare l’esercizio del diritto di prelazione per l’acquisto del palazzo marchesale.

Il 13 febbraio 2019, a seguito dell’esecuzione immobiliare n.82/1998, il palazzo marchesale era stato ceduto all’asta per un importo complessivo di circa 940 mila euro. Trattandosi di un bene culturale sottoposto a vincolo diretto di tutela artistica ed essendo un bene inserito nell’elenco dei beni di eminente pregio artistico, il Comune dove è ubicato l’immobile, entro 60 giorni dalla data del trasferimento, può esercitare il diritto di prelazione, impegnandosi a corrispondere la cifra necessaria per l’acquisto.

La delibera sopra descritta, infatti, è il primo passaggio da effettuare affinché il palazzo marchesale torni di nuovo nelle mani dei cittadini di Camerota. L’amministrazione ha dato ora mandato all’ufficio tecnico e all’ufficio ragioneria per il reperimento delle somme che dovranno servire all’acquisto definitivo del ‘castello’.



«Ci serviremo della Cassa depositi e prestiti (controllata direttamente dal ministero all’Economia ndr) per pagare la somma che permetterà a Marina di Camerota di riavere il suo palazzo marchesale – sottolinea soddisfatto il sindaco Mario Salvatore Scarpitta -. E’ per me una gioia immensa comunicare alla cittadinanza una notizia così. Ringrazio l’amministrazione comunale per il lavoro svolto e tutti gli uffici del Comune di Camerota. Il ‘castello’, come piace chiamarlo a noi che alla sua ombra siamo nati e cresciuti, è il baluardo che sorveglia una delle baie più belle e suggestive dell’intero Mezzogiorno d’Italia. Il ‘castello’ è un simbolo molto importante per tutta la comunità ed è un patrimonio dei cittadini di Marina di Camerota».
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate, “Giornate nazionali dei Castelli”: visite gratuite al Castello dell’abate

Castello dell'abate, Castellabate
Condividi con:
Castello dell'abate, Castellabate
Castello dell’abate

Il Castello dell’Abate è stato scelto tra le testimonianze più interessanti e significative della Regione Campania dall’Istituto Italiano dei Castelli e, anche quest’anno, sarà protagonista delle Giornate nazionali dei Castelli promosse dal MiBact, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Sabato 19 e domenica 20 maggio, in occasione della ventesima edizione della manifestazione il Comune di Castellabate, che ha scelto di aderire all’iniziativa, ha organizzato visite guidate gratuite all’interno dell’antico maniero, testimone della storia e della cultura del luogo. Le Giornate Nazionali dei Castelli sono un’occasione per valorizzare luoghi straordinari, disseminati in tutte le regioni italiane, roccaforti e interi borghi che apriranno i loro cancelli a residenti e turisti, divenendo teatro di convegni e presentazioni.



L’Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Castellabate Luisa Maiuri in merito al programma di iniziative sul borgo: «Aderiamo sempre con grande entusiasmo alle Giornate Nazionali dei Castelli che ci danno la possibilità di dedicare un week-end alla conoscenza, alla salvaguardia e alla valorizzazione della storia locale e dei piccoli borghi medievali. Siamo orgogliosi di poter dare il nostro contributo attraverso la testimonianza del nostro Castello che è ben conservato e offre ai visitatoti un panorama sul litorale cilentano unico e spettacolare».

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: posa della prima pietra per i lavori di recupero e consolidamento del castello

Condividi con:

Si è tenuta questa mattina la cerimonia della prima pietra dei lavori per il recupero e risanamento conservativo del castello di Agropoli. Gli interventi, inseriti nel più ampio progetto “Orizzonti mediterranei al castello angioino aragonese” che ha contemplato anche un progetto di carattere immateriale rappresentato dalla decima edizione del Settembre culturale, prevedono la ristrutturazione di due vani del piano terra di Palazzo Sanfelice, costruzione che si trova all’interno dell’antico maniero, posto sulla sinistra rispetto all’ingresso. Il termine dei lavori, che porteranno a recuperare circa 100 metri quadrati di spazi, che potranno venire sfruttati per eventi ed attività pubbliche in genere, è programmato per la fine di febbraio 2018.



«Siamo contenti – ha affermato il Sindaco Adamo Coppola – di inserire un altro tassello per la riqualificazione del nostro castello, uno dei beni culturali più importanti che la nostra Città possiede. Dopo gli interventi che hanno interessato, negli scorsi mesi, la Piazza d’Armi, il fossato e la Sala dei Francesi, tutti fatti con le nostre forze, rappresentate da fondi comunali, questa mattina diamo il via al recupero di un’altra parte dell’antico maniero. Abbiamo intercettato – precisa – dei fondi regionali per consolidare e ristrutturare ulteriori due spazi che serviranno per compiere eventi stabili». Coppola ha poi annunciato: «abbiamo candidato a finanziamento, sul fondo di rotazione, l’intera ristrutturazione del castello, per il quale abbiamo avuto ampie rassicurazioni sia dal governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca che dal suo capo staff, Franco Alfieri. Qualora ci venissero concessi questi fondi sarebbe davvero un sogno che si realizza».
Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al via i lavori di recupero e risanamento del castello

Condividi con:

Giovedì 23 novembre si terrà la cerimonia della prima pietra dei lavori per il recupero e risanamento conservativo del castello di Agropoli. L’appuntamento è alle ore 12.00. Gli interventi, inseriti nel progetto “Orizzonti mediterranei al castello angioino aragonese”, prevedono la ristrutturazione di due vani del piano terra di Palazzo Sanfelice, costruzione che si trova all’interno dell’antico maniero, posto sulla sinistra rispetto all’ingresso. L’operazione mira al recupero di un ulteriore spazio in uno dei beni culturali più importanti di proprietà della Città di Agropoli.

Comunicato stampa

Condividi con: