Agropoli, teatro “De Filippo”: stasera “La menzogna” con Serena Autieri e Paolo Calabresi chiude la stagione teatrale

Condividi con:

Oggi, venerdì 5 aprile, alle ore 20.45, il palcoscenico del teatro “De Filippo” di Agropoli ospiterà “La menzogna” con Serena Autieri e Paolo Calabresi, regia di Piero Maccarinelli.

Si tratta del decimo ed ultimo appuntamento della stagione teatrale della struttura di Piazza Mediterraneo.

Il testo è di Florian Zeller, tra i più apprezzati autori del teatro francese contemporaneo. Si chiude quindi in bellezza con l’attrice e cantante partenopea, protagonista di una commedia nella quale l’autore prova la sua abilità con infinite varianti sul tema del desiderio, del tradimento, della verità e della menzogna. Due coppie di amici, Paolo e Alice, Lorenza e Michele, si incontrano per una cena e, chiacchierando, si accorgono che i valori che hanno fino a quel momento condiviso si possono facilmente trasgredire. Tutto è affidato alla parola, al teatro, a un abile e crudele gioco di maschere, che confonde i confini fra menzogna e verità. In scena, con Serena Autieri e Paolo Calabresi, anche Totò Onnis e Eleonora Vanni.

Questo il pensiero del sindaco Adamo Coppola sulla stagione teatrale che si avvia a conclusione: «E’ stata un’altra stagione di successo. A solcare anche quest’anno le tavole del nostro teatro sono stati attori di caratura nazionale e non nascondo di aver provato grande soddisfazione nel sentire i loro apprezzamenti sulla nostra struttura. Per non parlare dalla grande risposta di pubblico, presente copioso ad ogni spettacolo. Stiamo investendo tanto in cultura e siamo felicemente stupiti che l’interesse verso tale settore sia sempre crescente».



Gli fa eco il direttore artistico Pierluigi Iorio: «Sono soddisfatto dell’andamento della stagione teatrale 2018/2019 la quarta nella città di Agropoli. Riscontro un grande successo di pubblico con un gradimento sempre crescente per gli spettacoli proposti, ben 10, che anche quest’anno spaziano dalla comicità alla letteratura, dal dramma alla commedia; lo stesso pubblico che ride alle battute di Casagrande, si commuove con Alessandro Haber e si identifica nella grande tradizione teatrale dei De Filippo. Questo è un evidente e concreto segnale di crescita culturale dei cittadini che concepiscono il teatro non come mero momento di svago ma anche di apprendimento e approfondimento. Questo aspetto, insieme con la partecipazione convinta dei ragazzi delle scuole secondarie della città, invitati a vivere il teatro con dei posti dedicati per ogni spettacolo, mi dà felicità e certezza che il cammino intrapreso sia quello giusto».
Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al cineteatro “De Filippo” in scena “Un ragazzo di campagna”

Condividi con:

Dopo il rinvio intervenuto lo scorso 25 gennaio, per indisponibilità di alcuni attori, lo spettacolo “Un ragazzo di campagna” andrà in scena al “De Filippo” di Agropoli venerdì 29 marzo, alle ore 20.45.

Si tratta del penultimo spettacolo incluso nel cartellone della quarta stagione teatrale della struttura agropolese.

La commedia del 1931, di Peppino De Filippo, rappresentata per la prima volta dai tre fratelli De Filippo, Eduardo, Peppino e Titina, viene riproposta al pubblico ammodernata nei tempi ma non nel contenuto. La vicenda è ambientata in una campagna napoletana negli anni ‘40 e narra di Pasqualino Paternò, un giovane contadino che, per la sua smisurata bontà, subisce le angherie del fratellastro Giorgio.



La Compagnia Stabile di Agropoli co-produce lo spettacolo, affiancando il nome di Agropoli a uno dei cognomi più importanti della drammaturgia mondiale: De Filippo. Protagonista dello spettacolo è Pierluigi Iorio, insieme ad una compagnia di attori bravissimi, con la caratteristica comune di essere stati tutti allievi del maestro Luigi De Filippo, scomparso pochi mesi fa.

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al “De Filippo” Alessandro Haber e Lucrezia Lante della Rovere in scena con “Il padre”

Condividi con:

Nuovo appuntamento al teatro “De Filippo” di Agropoli che domani, mercoledì 20 marzo, vedrà in scena Alessandro Haber e Lucrezia Lante della Rovere ne “Il padre” di Florian Zeller.

Si tratta dell’ottavo spettacolo della quarta stagione teatrale. Gli ultimi due appuntamenti della stagione 2018/2019 sono in programma il 29 marzo (Un ragazzo di campagna – in programma lo scorso 25 gennaio e poi rinviato); il 5 aprile (La menzogna con Serena Autieri e Paolo Calabresi).

La forza della pièce che verrà inscenata domani sera, alle ore 20.45, consiste nel saper raccontare con ironia, delicatezza e intelligenza, lo spaesamento di un uomo affetto da Alzheimer, la cui memoria inizia a vacillare e a confondere tempi, luoghi e persone.



Andrea (Alessandro Haber) è un uomo molto attivo, nonostante la sua età, ma mostra i primi segni di una malattia che potrebbe far pensare al morbo di Alzheimer. Anna, sua figlia (Lucrezia Lante Della Rovere), che è molto legata a lui, cerca solo il suo benessere e la sua sicurezza. Ma l’inesorabile avanzare della malattia la spinge a proporgli di stabilirsi nel grande appartamento che condivide con il marito. Lei crede che sia la soluzione migliore per il padre che ha tanto amato e con cui ha condiviso le gioie della vita. Ma le cose non vanno del tutto come previsto: l’uomo si rivela essere un personaggio fantastico, colorato, che non è affatto deciso a rinunciare alla sua indipendenza…

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: Federico Buffa porta in scena “Il rigore che non c’era” al “De Filippo”

Condividi con:

Il rigore che non c’era”, settimo appuntamento della quarta stagione teatrale della struttura agropolese, è il nuovo spettacolo di Federico Buffa: il più grande storyteller italiano riprende la sua avventura teatrale, con un testo che parte da storie sportive per diventare poi un affresco storico, poetico, musicale. Il rigore che non c’era è quell’evento, magari improvviso, che ha cambiato la storia di una partita, è quella metafora, magari improvvisa, che ha cambiato la storia di una vita… In un luogo non collocato nel tempo e nello spazio, personaggi a un bivio, davanti a una scelta, condannati a raccontare e a raccontarsi. Sullo sfondo, un palazzo, due finestre dalle quali compare una sorta di angelo, custode e disincantato, interpretato da Jvonne Giò; in scena con Federico Buffa, uno strampalato attore, del quale veste i panni Marco Caronna, ed un pianista, Alessandro Nidi, compagni di viaggio nello scoprire che quella volta, quel rigore… ha cambiato la storia di tutti…

L’appuntamento è in programma venerdì 8 marzo alle ore 20,45.

Così come avviene dall’inizio della stagione teatrale, anche per questo spettacolo il direttore artistico Pierluigi Iorio, mette a disposizione delle scuole secondarie di secondo grado di Agropoli alcuni posti gratuiti. L’iniziativa, volta a favorire la fruizione del teatro ai più giovani per scopi educativi e sociali, sta avendo un successo sempre crescente.



Federico Buffa è un giornalista e telecronista sportivo italiano. Oltre alla sua attività di telecronista di basket e commentatore sportivo, Buffa ha condotto alcune trasmissioni antologiche sempre a tema sportivo, nelle quali ha dimostrato – secondo Aldo Grasso – di “essere narratore straordinario, capace di fare vera cultura, cioè di stabilire collegamenti, creare connessioni, aprire digressioni” in possesso di uno stile avvolgente ed evocativo.

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: Biagio Izzo in scena al cineteatro “De Filippo”

Condividi con:

Sabato 23 febbraio alle ore 20.45, al Cineteatro “De Filippo” di Agropoli, il comico partenopeo Biagio Izzo sarà in scena con “I fiori del latte”, di Eduardo Tartaglia, con la regia di Giuseppe Miale Di Mauro.

La storia è ambientata in un caseificio di prossima apertura, dove due cugini, Aniello e Costantino, dopo anni di sacrifici decidono di investire tutti i loro risparmi. L’azienda punta a diventare un’oasi ecologica dove ogni prodotto è naturale, senza additivi chimici. Si scoprirà però che il caseificio è situato in una zona nota alle cronache per lo sversamento dei rifiuti tossici. La commedia, scritta da Eduardo Tartaglia e messa in scena da Giuseppe Miale di Mauro, prende spunto da fatti drammaticamente saltati alla cronaca qualche anno fa.



«Sono felice – afferma il direttore artistico del “De Filippo”, Pierluigi Iorio – di ospitare in stagione Biagio Izzo, campione del sorriso, con la sua compagnia. Proponiamo una comicità non fine a se stessa, ma condita da spunti di riflessione, in modo da poter restituire al teatro la sua giusta funzione».

Si tratta del sesto spettacolo in cartellone ad andare in scena nel teatro agropolese. Per l’attore partenopeo è la terza volta al “De Filippo”, dopo aver portato in scena “L’amico del cuore” nel 2015 e “Bello di papà” nel 2017.
Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al Cineteatro “De Filippo” arriva Carlo Buccirosso

Condividi con:

E’ in programma venerdì 8 febbraio, alle ore 20.45, presso il Cineteatro “De Filippo” di Agropoli lo spettacolo “Colpo di scena”. Scritto e diretto da Carlo Buccirosso, si tratta del quinto spettacolo della quarta stagione teatrale ad andare in scena.

Questa la trama: in un classico commissariato di provincia, il vice questore Eduardo Piscitelli, conduce da sempre il proprio lavoro nel rispetto del più integerrimo rigore, con la consapevolezza di svolgere le mansioni di garante dell’ordine pubblico e difesa della sicurezza del cittadino con la tenacia e la fede di un missionario, inviato dal cielo esclusivamente per ripulire la terra dalle nefandezze degli uomini scellerati che minacciano la gente cristiana che vorrebbe condurre in pace una vita serena.



Nell’ufficio del paladino Eduardo, si barcamenano una serie di fidi scudieri nel tentativo di debellare “le barbarie di tutti i santi giorni” dall’inossidabile tartassato ispettore Murolo, ai giovani agenti rampanti Varriale, Di Lauro e Farina, all’esperta rassicurante sovrintendente Signorelli, una sorta di cavalieri della tavola rotonda, attorno alla quale si aggirano le insidie quotidiane della delinquenza spicciola, lontana sì dagli echi mortali del terrorismo mondiale, ma angosciosamente vicina al respiro del singolo cittadino, a difesa del quale il vice questore si vedrà costretto all’inevitabile sacrificio di un capro espiatorio a lui tristemente noto, tale Michele Donnarumma, vittima predestinata, agnello feroce dall’aspetto inquietante, che sconvolgerà la salda religione di Piscitelli, come il più spietato e barbaro dei saraceni!…

Intanto, è stata resa nota la data per il recupero dello spettacolo “Un ragazzo di campagna” di Peppino De Filippo, in programma il 25 gennaio scorso. La nuova data è venerdì 29 marzo. Nel contempo “La menzogna”, con Serena Autieri e Paolo Calabresi, slitta a venerdì 5 aprile.

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al cineteatro “De Filippo” Stefano Accorsi con il suo “Giocando con Orlando”

Condividi con:

Con il nuovo anno, tornano gli appuntamenti al teatro “De Filippo” di Agropoli. Il nuovo appuntamento, il quarto della quarta stagione teatrale, è fissato per giovedì 17 gennaio, alle ore 20.45.

Sarà rappresentato “Giocando con Orlando”, con Stefano Accorsi. Attore, regista e drammaturgo, Marco Baliani ha trasformato i 38.746 versi dell’Orlando Furioso e le donne i cavalier, l’arme, gli amori nel nuovo spettacolo Giocando con Orlando, un’inedita ballata in ariostesche rime e una singolar tenzone per il palcoscenico.



Coincidenze, occasioni e imprevisti hanno generato questa nuova avventura, che parte dal successo dell’edizione di Furioso Orlando, e raccoglie la necessità e la rinnovata sfida di provare a esplorare il testo in una direzione ancor più radicale. Stefano Accorsi sarà il paladino Orlando, ma anche il cantore che aggancia i vari episodi nel flusso della storia.

Lo spettacolo parte dalle due storie d’amore principali: il paladino Orlando che insegue la bella Angelica e la guerriera cristiana Bradamante innamorata di Ruggiero, cavaliere saraceno destinato alla conversione, per poi moltiplicare i personaggi, creandone altri intorno, mostri compresi, per condurli a giocare sulla corrispondenza delle rime infilate in un ritmo galoppante, con molta improvvisazione verbale, con rime difficili da trovare, con gesti difficili da compiere.
Comunicato stampa

Condividi con: