Calcio a 5 femminile: la Fenix Santa Maria supera lo Sprint e viene promossa in C1

Condividi con:

La Fénix chiude la decima giornata del Campionato Regionale di Serie C2 2017/18 battendo lo Sprint per 1 a 6 a Pompei e si aggiudica la promozione diretta in C1. Per le biancorosse era la partita più importante giocata fin’ora e l’imperativo era di portare i 3 punti a casa. Le ragazze di Mister Angelo Cusati e Mister Maurizio Leo riescono, non senza difficoltà, a battere la squadra di casa portandosi a 24 punti nel girone C e ottenendo il pass per la C1.

Non è stata, però, una gara sul velluto, almeno per quanto riguarda i primi 30 minuti. Le biancorosse partono male e dopo 4 giri di lancette subiscono il gol. È 1 a 0 per lo Sprint. La segnatura è una doccia fredda che sveglia le cilentane. Dopo poco meno di 60 secondi Petronilla Di Luccia batte il portiere avversario e pareggia i conti. La prima frazione non regala altri gol, grazie soprattutto a Raffaella Gesuele che più di una volta nega la gioia alle pompeiane.



I primi minuti del secondo tempo sono lo specchio del primo ma al 36esimo Stefania Palumbo sale in cattedra: prende palla e con rabbia insacca. 1 a 2. Al 42esimo la stessa Palumbo ribadisce il concetto poca’anzi espresso e allunga per l’1 a 3. Dopo appena 3 minuti è Piera Bosco, la più giovane del roster, che gioisce: con un diagonale dalla sinistra del portiere batte l’estremo difensore e porta le biancorosse sull’1 a 4.

Al minuto 53 nuovamente Bosco può urlare e festeggiare l’1 a 5. Al 59esimo, quando la stanchezza si faceva sentire nelle gambe di entrambe le compagine, Palumbo ha ancora energia. Libera al centro davanti la porta carica un tiro e non sbaglia, 1 a 6.

Non c’è più tempo, l’arbitro fischia e la Fénix può festeggiare la promozione in C1. Si chiude qui la prima fase con la squadra biancorossa prima nel girone e con il primo obiettivo stagionale portato a casa.

«Questa vittoria vale molto per noi – dice Stefania Palumbo – abbiamo vinto, mantenuto il primato e ottenuto la promozione ma soprattutto siamo riuscite, tutte insieme, a reagire in un momento difficile. Dopo una falsa partenza abbiamo recuperato la concentrazione e lanciato il cuore oltre l’ostacolo. La gioia è tanta ma ora dobbiamo pensare alla prossima sfida. Possiamo – conclude – continuare a sognare».
Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile: goleada della Fénix Santa Maria contro l’Alma Salerno

Condividi con:

La Fénix archivia la nona giornata del Campionato Regionale di Serie C2 2017/18 battendo l’Alma Salerno per 10 a 1 al PalaCilento di Torchiara. Una partita giocata ad alti livelli dalla squadra di casa che è riuscita ad applicare quanto fatto negli allenamenti settimanali guidati da Mister Angelo Cusati e da Mister Maurizio Leo. È proprio il lavoro di quest’ultimo che ben si è concretizzato con l’ottima prova del portiere Raffaella Gesuele, sicura a difendere la rete biancorossa.

Il match si mette subito bene per la Fénix: dopo pochi secondi Daniela Zagaria sblocca il risultato insaccando il pallone con una pregevole azione sulla destra. Al sesto minuto Stefania Palumbo, tenace e coriacea, raddoppia. Gloria anche per Stefania Raso al 9°, capitano pro-tempore dato l’infortunio di Katia Lanzalotti. 3 a 0.

Il 4 a 0 è segnato da Melania Della Calce. Grande partita anche per lei, di ritorno da un infortunio a causa del quale il suo utilizzo in campo è stato sempre molto limitato. Della Calce recupera palloni, fa partire azioni e concretizza: al 21esimo è 5 a 0. Le biancorosse, ormai forti del risultato, abbassano leggermente il ritmo e le granatine, mai dome, ne approfittano e trafiggono l’estremo difensore. Il primo tempo si chiude sul 5 a 1.



Anche la seconda frazione è dominata dalla Fénix. Al 35esimo ancora Palumbo con un preciso tiro insacca a segna il 6 a 1. Altri cinque minuti e sempre lei segna la personale tripletta. 7 a 1. Al 50esimo, l’8 a 1 è di Della Calce che mette il sigillo su una gara giocata ad altissimo livello. Dopo due minuti, Piera Bosco viene atterrata a l’arbitro fischia la punizione. Dallo schema, Bosco viene servita e non sbaglia: 9 a 1. La partita, come è anche giusto che sia, cala d’intensità ma non mancano le azioni. C’è infatti ancora tempo il decimo gol biancorosso. A segnarlo è Valeria Clematide, tra le più esperte del roster ed anch’ella reduce da un serio infortunio.

Il direttore di gara sancisce la fine dell’incontro e la Fénix può festeggiare il mantenimento del primato, seppur in coabitazione con la MagnaGraecia.

«Questa vittoria è stata una dimostrazione corale di impegno e tenacia – dice Melania Della Calce – stiamo confermando di crescere come gruppo e ci stiamo impegnando a mettere in campo il lavoro svolto durante la settimana».
Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile: la Fenix Santa Maria supera il Delfino e consolida il primato

Condividi con:

Continua la striscia positiva della Fénix che vince anche a Tufino e consolida il primo posto nel girone nella gara col Delfino giocata domenica 17. La vigilia della sfida non era stata molto rosea per le cilentane che in allenamento perdono il capitano Katia Lanzalotti per un grave infortunio alla mano. Tegola che viene superata grazie al folto roster a disposizione di Mister Angelo Cusati ma la mancanza del capitano non si è sentita, essendo lei presente a bordo campo con preziosi consigli e indicazioni per le compagne.

La cronaca della partita, purtroppo, non si può limitare alle azioni, agli schemi e ai gol ma deve allargarsi anche al gioco duro e pericoloso, a volte palesemente inutile, delle padroni di casa e alla prova non brillante dell’arbitro, complice in qualche caso di diversi brutti falli non puniti. Ed è proprio con uno di questi che si apre la gara: il portiere biancorosso Michela Ianniello blocca un pallone in uscita bassa, l’avversaria non la salta e la colpisce con un calcio in faccia. Tanta paura e dolore per lei ma nessuna conseguenza né ripercussioni per la resa in campo. Al 7° minuto il punteggio si sblocca: Petronilla Di Luccia accompagna un pallone in rete e segna lo 0 a 1.



Di Luccia dopo qualche minuto sarà, suo malgrado, protagonista di un episodio molto spiacevole. A palla lontana viene colpita da una brutta gomitata sul naso che le provoca perdita di sangue e molto dolore. La giocatrice è costretta ad abbandonare il campo di gioco e per lei si teme una frattura del setto nasale. Le ragazze rispondono al gioco duro con classe e determinazione mantenendo inviolata la proprio porta. Il nervosismo, in parte dovuto a qualche provocazione, serpeggia tra le biancorosse e i falli si accumulano. Allo scadere del primo tempo, il direttore di gara concede 4 minuti di recupero. I minuti passano e, scaduti i 4 giri di lancette, l’arbitro non fischia la fine arrivando al 35esimo quando alle padroni di casa viene concesso un tiro libero. Ianniello intuisce ma non riesce a deviare ed è pareggio.

Nell’intervallo Mister Cusati, allontanato dal campo da un improbabile provvedimento dell’arbitro, striglia per bene le sue chiedendo più compattezza e cattiveria. Le biancorosse, alcune delle quali doloranti, rientrano in campo con un piglio diverso e affrontano le avversarie con più tenacia. A mantenere il gioco è la Fénix, anche grazie ad una splendida prova di Stefania Raso, migliore in campo, che guida ogni azione. Dopo pochi minuti, e diversi tentativi, Stefania Palumbo si libera e con un preciso tiro insacca. 1 a 2 e Fénix di nuovo in vantaggio. La partita continua con azioni da entrambe le parti ma sono le ospiti a dettare il ritmo. Nei minuti finali gli animi si scaldano e qualche basilare regola di fair play viene dimenticata: le ragazze del Delfino si fanno più fallose ma le biancorosse non si lasciano spaventare e grazie nuovamente a Palumbo, allo scadere, trovano l’1 a 3. Dopo pochi secondi l’ennesimo brutto episodio: Palumbo salta un’avversaria che la colpisce da dietro con una ginocchiata e la fa finire a terra dolorante. L’arbitro interviene espellendo la giocatrice e concedendo il tiro libero alla Fénix. Se ne incarica Maria Di Santi. La ragazza non cede alla tensione e con una bordata di rabbia e liberazione fa gol. 1 a 4.

La Fénix risponde egregiamente al gioco duro delle padroni di casa e conquista 3 importantissimi punti in chiave classifica, consolidando il primo posto.

Stefania Raso a fine partita è raggiante: «Non credevamo di dover giocare una partita così difficile – le sue parole a fine partita – è stata molto dura per varie situazioni, anche spiacevoli, che si sono create ma le polemiche non servono a nulla. Abbiamo risposto con 4 gol e con un buon salto in avanti in classifica. Era importante vincere e così è stato – conclude – dopo la pausa ci aspetta un’altra sfida complessa ma abbiamo imboccato un buon percorso».
Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile, Fenix Santa Maria: vittoria nel derby e primato solitario

Condividi con:

Continua l’ottimo percorso della Fénix in campionato. Le biancorosse approfittano dello stop del Delfino MC e si portano al primo posto nel girone. I tre punti che consolidano la vetta arrivano grazie alla vittoria nel derby del Cilento contro le cugine della Polisportiva Santa Maria. Quello di ieri era il quarto confronto stagionale tra le due compagini, tutti vinti dalla Fénix.

L’incontro comincia con una fase di studio tra le due squadre con la Fènix più presente in campo e la Polisportiva schiacciata nella propria metà campo. Le padroni di casa dettano il ritmo di gioco e si presentano più volte davanti a Marianna Martino portiere avversario che più volte salverà la propria porta dai colpi biancorossi. Il risultato si sblocca al terzo minuto con Maria Di Santi che batte un incolpevole estremo difensore. Le azioni continuano e la partita non cambia molto: Fénix avanti e Polisportiva a difendere.



Al 21° Stefania Palumbo raccoglie un pallone, si piazza e gonfia la rete. 2 a 0. I minuti passano e i tiri da parte delle biancorosse sono incessanti ma Martino si fa trovare sempre presente. Al 29° è Petronilla “Pilla” Di Luccia a cercare la gloria personale; impresa riuscita e punteggio sul 3 a 0. L’arbitro, la signora Guida della sezione di Agropoli, fischia la fine del primo tempo e manda le due formazioni negli spogliatoi.

La seconda frazione rispecchia molto la prima. Tante occasione per la Fénix e qualche squillo per la Polisportiva. Al 40° Di Luccia sale di nuovo in cattedra e raddoppia il suo personalissimo score. 4 a 0. La partita perde di intensità il che permette a Mister Angelo Cusati di far giocare anche le calciatrici che fin’ora hanno avuto pochi minuti nelle gambe. Al 50° Stefania Raso, vicecapitano, arpiona un pallone e lo direziona in porta. È 5 a 0. I tre fischi finali si avvicinano ma la Fénix va ancora all’arrembaggio. Al 52° Katia Lanzalotti, instancabile non solo in campo ma anche nel suo ruolo di capitano, mette la firma all’elenco dei marcatori siglando il 6 a 0. La partita sembrava finita ma c’è ancora tempo per il gol del bandiera. Il risultato finale è 6 a 1. Fènix prima in solitaria con MagnaGraecia e Delfino a rincorrere.

Sugli scudi Petronilla Di Luccia, autrice di un’ottima gara oltre che delle due reti: «Ora che abbiamo conquistato la vetta della classifica – dice – è il momento di un’ulteriore prova di forza da mettere in campo domenica prossima. Dobbiamo assolutamente andarci a prendere i 3 punti in casa del Delfino. Sarà una battaglia – aggiunge – ma ho piena fiducia nelle compagne e nel lavoro che stiamo svolgendo. Abbiamo tutte le carte in regola per fare bene – conclude – già dal prossimo allenamento testa e gambe alla trasferta!».
Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile: Fenix Santa Maria a valanga sullo Sprint

Condividi con:

Partita sul velluto quella giocata domenica 3 dicembre al PalaCilento dalla Fénix. Le cilentane, in ottima forma, segnano ben 24 gol allo Sprint, squadra molto umile che subito si arrende al divario tecnico e di preparazione.

La Fènix imposta subito il gioco portando al gol molti elementi del roster. Piera Bosco e Maria Di Santi le più prolifiche. 7 i gol per la prima, 4 per la seconda. Tra le marcature anche la solita Petronilla Di Luccia con 3 reti. In buona condizione anche le più esperte del gruppo che superano gli acciacchi dell’avvio del campionato. Due gol a testa per Valeria Clematide e Stefania Raso. Con due gol il capitano Katia Lanzalotti scaccia gli spettri dell’infortunio di qualche settimana fa. Risponde presente anche Daniela Zagaria, due segnature per lei. Onore anche per Stefania Palumbo e Michela Ghita che con una rete a testa regalano gioie ai tifosi.



In campo si è vista una Fénix forte, tenace e motivata che può tranquillamente guardare avanti con positività. Il mister Angelo Cusati ha preferito non commentare: «Testa al derby di domenica prossima – ha detto – l’importante è continuare a crederci».

Le biancorosse sono ora alla guida del girone C in coabitazione col Delfino MC.
Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile: la Fenix Santa Maria batte l’Alma Salerno in trasferta e balza in vetta

Condividi con:
Stupenda vittoria della Fénix in casa dell’Alma Salerno nella quarta giornata di campionato di Serie C2 regionale. Le ragazze di Mister Cusati si impongono con 7 gol sul sintetico del Nuovo Centro Sportivo di Casignano. Una gara giocata sempre ad ottimi livelli con la Fénix a dettare il ritmo abbassato solo negli ultimi minuti, dove l’Alma riesce a segnare il gol della bandiera.
 
La partita si mette subito bene per la Fénix che, per nulla intimorita dall’essere fuori casa, cerca subito il gol. Marcatura che arriva dopo 5 minuti. Schema su calcio piazzato finalizzato dalla sempre ottima Petronilla “Pilla” Di Luccia che insacca. Arrivano altri 3 tiri della Fénix che la bravissima portiere avversaria Giuseppina Matonti blocca salvando momentaneamente il risultato. Occasione anche per la padroni di casa ma questa volta è la portiera biancorossa Michela Ianniello a dire no. Le occasioni per la Fènix continuano: pericolosa Di Luccia che colpisce il palo. In seguito una palla vagante in area dell’Alma, dopo un tiro di Maria Di Santi, viene raccolta da Piera Bosco. 0 a 2!



Terminano i primi 30 minuti di gioco e le ragazze rientrano negli spogliatoi. Nel frattempo inizia a piovere ma la situazione non cambia il ritmo di gioco, anzi sembra far bene alle ospiti: dopo 3 minuti Maria Di Santi, grande prova per lei, riesce in ciò che aveva fallito nella prima frazione. È 0 a 3! Il gol è frutto di una sontuosa triangolazione con Di Luccia. Ancora un tiro di Di Santi che colpisce il palo ma Stefania Palumbo si fa trovare pronta e ribadisce in rete lo 0 a 4. Dopo pochi minuti un’azione corale, marchio di fabbrica del mister Angelo Cusati, libera Piera Bosco che porta al quinto gol biancorosso.
 
Azione pericolosa delle granatine ma la difesa ospite non si fa sorprendere, Palumbo prende palla e risale la fascia accompagnata da Bosco la quale, servita perfettamente dalla compagna, deve solo deviare e segnare lo 0 a 6. I minuti scorrono e si avvicina la fine dell’incontro ma c’è ancora tempo per importanti fasi di gioco. Di Santi sfrutta un rimpallo e piazza la palla in rete. 0 a 7. La stessa Di Santi, subito dopo, divora lo 0 a 8. Le biancorosse, dato il risultato, si rilassano e le granatine ne approfittano: Celeste Coppola si libera in area e batte l’estremo difensore avversario.
 
A Pellezzano finisce 1 a 7. 3 punti per la Fénix che conquista il primo posto in coabitazione proprio con l’Alma Salerno, entrambe a 9 punti, ma con la compagine cilentana prima per differenza reti, frutto dell’1 a 7.
 
«Al di là del risultato finale – dice a fine partita la giocatrice Daniela Zagaria – la cosa più importante è stato riuscire a mettere in campo finalmente un po’ del lavoro fatto fino ad oggi. Abbiamo sempre avuto difficoltà nel dimostrare davvero quanto valiamo. Un po’ alla volta – continua – stiamo crescendo insieme, prendendo consapevolezza e sicurezza. Oggi portiamo a casa un’altra vittoria e la voglia di fare sempre meglio – conclude – uniti più che mai».
Comunicato stampa
Condividi con:

Calcio a 5 femminile: riscatto Fenix Santa Maria, battuta la MagnaGraecia al PalaCilento

Condividi con:

Grande prova di forza, coraggio e sacrificio per le ragazze della Fénix. La 3° giornata del Campionato regionale di C2 rappresentava per le biancorosse il momento del riscatto dopo la sconfitta del turno precedente. Al PalaCilento di Torchiara l’avversario era la G.G. MagnaGraecia, squadra temibile e candidata, sulla carta, a portare a casa i 3 punti.

Le aspettative della vigilia non hanno deluso e infatti la squadra ospite mette soggezione alle padroni di casa tant’è che dopo 5 minuti di gioco la MagnaGraecia passa in vantaggio. La Fénix ha una scossa e inizia ad attaccare ma le ospiti, in particolare il portiere, negano la gioia del gol. Al 22esimo altro episodio: da rimessa laterale la palla si insacca nella rete biancorossa e l’arbitro assegna lo 0 a 2 non senza polemiche e con qualche dubbio sulla effettiva validità della segnatura.

Col senno di poi, però, il contestato gol è utile alla Fénix: le ragazze si svegliano e iniziano a creare maggiori occasioni ma la gioia tarda ad arrivare. Al 25esimo, però, Stefania Palumbo accorcia le distanze. Col risultato di 1 a 2 si va all’intervallo.



Mister Angelo Cusati striglia le sue che si presentano in campo con piglio oggettivamente diverso. Anche nella seconda frazione, però, tiri e occasioni sono tanti ma il portiere granata si fa trovare sempre presente. Al 48esimo Daniela Zagaria, con un grande recupero, prende palla e porta la situazione in parità. 2 a 2.

Il pareggio rianima la squadra: la Fénix inizia a credere nel ribaltone. I minuti scorrono veloci e si avvicina sempre di più il triplice fischio finale finché l’arbitro assegna una punizione al limite dell’area a 4 minuti dal 60esimo. A batterla è Petronilla Di Luccia che con un tiro eccezionale regala a squadra e tifosi il vantaggio.

Le ospiti calano sensibilmente e lasciano più spazi alle padroni di casa. Quando ormai il risultato sembrava scontato altro squillo: passaggio in area di Di Luccia per una compagna. È Piera Bosco che, a portiere battuto, deve solo deviare in porta. Sul 4 a 2 l’arbitro sancisce la fine dell’incontro. Pronto riscatto della Fénix che può rialzare la testa.

Non presente in campo per infortunio il capitano Katia Lanzalotti che dagli spalti non ha fatto mancare il suo sostegno e i consigli alle compagne: «Questa vittoria era molto importante – dice – dovevamo vincere per risollevarci e così è stato, c’erano tanta voglia e grinta in campo. Bene così!».

Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile, Fenix Santa Maria: sconfitta casalinga contro il Delfino MC

Condividi con:

La seconda giornata di campionato C2 Regionale corrisponde ad una brutta sconfitta per la Fénix. Il Delfino MC, squadra di Messercola Cervino in provincia di Caserta, passa al PalaCilento nonostante i tanti infortuni e i ranghi ridotti. La squadra ospite va in vantaggio a primo tempo inoltrato mandando nel panico le padroni di casa, mai in partita, e conquistando la possibilità di fare gioco, creare occasioni e continuare a segnare. Col passare dei minuti la situazione non cambia fino alla scadere della prima frazione di gioco che si chiude sul risultato di 0 a 3.



Nulla di nuovo nel secondo tempo. Ospiti a segno per il 4 a 0. La quarta rete sembra far risvegliare le biancorosse che con Petronilla Di Luccia, tra le migliori in campo, accorcia le distanze creando l’illusione di una insperata rimonta. Non sarà così, tant’è che le casertane ne segnano altri due, spezzando i sogni e le aspettative nati dopo la prima giornata.
Una disfatta che lascia poco spazio a dubbi tant’è che nessuno della squadra rilascia dichiarazioni: il risultato di 1 a 6 non ha bisogno di commenti.
Comunicato stampa

Condividi con:

Calcio a 5 femminile: goleada Fenix nel derby di Castellabate con la Polisportiva Santa Maria

Condividi con:

Comincia col botto il campionato regionale di C2 della Fénix S. Maria F.C. Sul difficile campo “Helios” di San Marco di Castellabate per il derby con la Polisportiva S. Maria. Una partita difficile solo sulla carta, soprattutto dopo i 60 minuti di gioco intenso e bel calcio giocato dalle biancorosse. Le ospiti partono fortissimo con due gol a pochi secondi dall’inizio che sorprendono le avversarie. Michela Ghita e Maria Di Santi (alla prima rete stagionale) fermano subito il punteggio sullo 0 a 2 entusiasmando i numerosi tifosi della Fénix giunti a San Marco.

I minuti passano veloci e sono tante le occasione per le ospiti, meno quelle per le padroni di casa. Al 20’ lo 0 a 3 è firmato da Piera Bosco. Unico squillo della Polisportiva è con Schiavo che segna il più classico dei gol della bandiera. Marcatura che non impensierisce affatto le ospiti le quali, prima dell’intervallo, ne fanno altri 3, con Daniela Zagaria, prima segnatura anche per lei, e poi con doppio Di Santi. La prima frazione di gioco si chiude sul punteggio di 1 a 6.



Il secondo tempo si apre come il primo: subito due gol della Fénix. A segnarli sono Petronilla Di Luccia e Stefania Palumbo. Passa qualche minuto e Palumbo fa il bis. Sul punteggio di 1 a 9, le ospiti si adagiano un po’ sugli allori e iniziano a sprecare qualche palla gol. Michela Ianniello, portiere della Fénix, fa da spettatrice entrando in azione in poche e rare occasioni. Le biancorosse, ritrovata la concentrazione voluta da mister Cusati, continuano a sparare sulla porta avversaria finché Bosco ne fa un altro: 1 a 10. Di Luccia regala alle sue il superamento della doppia cifra: 1 a 11. L’1 a 12, con le avversarie ormai arrese e senza idee, passa per i piedi di una sempre esuberante Elisabetta D’Isabella. A mettere la preziosa firma è allo scadere il capitano Katia Lanzalotti, reduce da un’influenza ma mai doma, autrice di una gara operaia.

1 a 13 il risultato finale, in una partita dal divario evidente e dal risultato mai in discussione.

«Ottima prestazione della squadra – le parole del preparatore dei portieri Maurizio Leo – per questa prima di campionato. Le ragazze hanno fatto quasi tutto bene ma ora testa alla prossima gara e agli allenamenti in vista di domenica, con la speranza di recuperare le infortunate»
Comunicato stampa

Condividi con: