Castellabate: al castello in scena “Il Sindaco Pescatore” con Ettore Bassi

Castello dell'abate, Castellabate
Condividi con:

Penultimo appuntamento con la rassegna culturale “Castellabate il luogo dell’incanto”, domenica 19 maggio alle ore 21 nel Castello dell’Abate, centro storico, andrà in scena “Il Sindaco Pescatore”.

Castello dell'abate, Castellabate
Torre e esterni del Castello

Una storia vera, tratta dall’omonimo libro di Dario Vassallo con i testi di Edoardo Erba e la regia di Enrico Maria Lamanna. Interprete eccellente il noto attore Ettore Bassi, attualmente tra i protagonisti della trasmissione RaiUno “Ballando con le stelle”, che vestirà i panni di Angelo Vassallo, accompagnato in scena dai bambini di Castellabate, selezionati per l’occasione.

Lo spettacolo, ad ingresso libero, è inserito nel programma di eventi promossi dall’Assessorato al turismo e alla cultura del Comune di Castellabate e co-finanziati con i fondi POC della Regione Campania.

Lo spettacolo teatrale racconta la storia di un eroe normale, Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore appunto che la sera del 5 settembre 2010, mentre rincasava alla guida della sua auto, è stato barbaramente assassinato. Un uomo che ha sacrificato con la sua vita l’impegno di amministrare per difendere e migliorare la sua terra e le sue persone. Esempio di rigore nel rispetto della legge, con modi severi e fermi, che però permettono di mantenere intatta la bellezza del suo Comune, Pollica, e del Cilento tutto.



L’assessore delegato al turismo e alla cultura, Luisa Maiuri, dichiara in merito all’appuntamento: «È ancora aperta la ferita legata a questa vicenda a noi molto vicina, è per questo un onore poter dedicare una serata alla memoria di Angelo Vassallo, attraverso la voce di Ettore Bassi e alla vicenda tratta dal libro di Dario Vassallo. La rassegna “Castellabate il luogo dell’incanto”, che ha visto un susseguirsi di emozioni con appuntamenti destinati ad animare il nostro territorio anche in bassa stagione, sta riscuotendo un ottimo successo di pubblico e si concluderà il 1° giugno in Villa Matarazzo con la grande e attesa partecipazione di Giancarlo Giannini»
Comunicato stampa

Condividi con:

Castellabate, “Jus primae noctis”: ottimo riscontro per la manifestazione teatrale

Featured Video Play Icon
Condividi con:

Il borgo antico di Castellabate e quello marinaro di San Marco sono diventati scenografia a cielo aperto di uno spettacolo teatrale itinerante, lo “Jus Primae Noctis”. Ancora un ottimo riscontro per le manifestazioni che rientrano nella rassegna culturale “Il luogo dell’incanto”, organizzata dall’Assessorato al turismo e alla cultura del Comune e co-finanziata dal POC Campania 2014/2020.



Interviste all’Assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri e allo scrittore e umorista Amedeo Colella.

Guarda il video di Comune di Castellabate – Servizio di Germana Derì

 

Condividi con:

Castellabate, “Jus primae noctis”: due appuntamenti con le visite teatralizzate

Targa Murat "Qui non si muore" Castellabate
Condividi con:

Utilizzare le stradine e gli scorci più suggestivi del paese come scene di un teatro. È con questo obiettivo che il Comune di Castellabate propone due simpatiche visite guidate nell’ambito de “Il luogo dell’incanto”, la rassegna culturale cofinanziata dal POC Campania 2014/2020.

Targa Murat "Qui non si muore" Castellabate
Borgo medievale

La rappresentazione teatrale, dal titolo evocativo “Jus primae noctis”, conduce tra vicoli e palazzi storici poco conosciuti per uno spettacolo in costume davvero coinvolgente.

Si parte dal centro storico, sabato 30 marzo ore 20:30, con raduno presso il belvedere San Costabile, attraverso un itinerario che comprende Porta de li Bovi, Piazza Perrotti, Cattedrale, Palazzo Matarazzo, Piazza Caduti di Kos.

Si replica con un nuovo scenario, quello di San Marco, domenica 31 marzo ore 19:30 con raduno in Via Marina per la visita al porto e alla storica Villa de Angelis.

Gli attori intratterranno il pubblico per circa un’ora sul tema “amore e morte nel medioevo cilentano” con il testo di Amedeo Colella, umorista e scrittore dell’Associazione “Cultura Nova”.

Gli interpreti Otello Carratù, Mariella Boiano, Orlando di Scola, Marco Ciullo, Amedeo Colella, con i costumi di Alessandra Morelli, trasporteranno gli spettatori in un’epoca lontana.

La trama dell’opera prende spunto infatti da un’antica leggenda: si narra che intorno alla prima metà del 1700 un contadino organizzò un piano per uccidere il Signore del feudo che pretendeva il diritto alla prima notte. Il protagonista per evitare la iattura caduta sul suo matrimonio incontra una serie di personaggi a cui chiede intercessione: Gioacchino Murat, Giovanbattista Vico, l’abate di Cava, l’avvocato Cardone, i fratelli De Angelis, i briganti.

La passeggiata ha una durata di circa un’ora, non si necessita di prenotazione ed è completamente gratuita.



L’assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri sugli appuntamenti di marzo: «Prosegue la nostra rassegna di spettacoli in bassa stagione, organizzata dall’assessorato al turismo e alla cultura congiuntamente al direttore artistico Girolamo Marzano. Le passeggiate teatralizzate sapranno stupire i turisti che nel fine settimana arrivano nel nostro comune per godere del suo incanto, con un format davvero innovativo. Non è, come avviene a teatro, la scena che cambia sul palco ma è il pubblico che si sposta tra una scena e l’altra. In tal modo la commedia valorizza contesti e luoghi suggestivi e offre uno scenario unico allo spettatore».
Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: Biagio Izzo in scena al cineteatro “De Filippo”

Condividi con:

Sabato 23 febbraio alle ore 20.45, al Cineteatro “De Filippo” di Agropoli, il comico partenopeo Biagio Izzo sarà in scena con “I fiori del latte”, di Eduardo Tartaglia, con la regia di Giuseppe Miale Di Mauro.

La storia è ambientata in un caseificio di prossima apertura, dove due cugini, Aniello e Costantino, dopo anni di sacrifici decidono di investire tutti i loro risparmi. L’azienda punta a diventare un’oasi ecologica dove ogni prodotto è naturale, senza additivi chimici. Si scoprirà però che il caseificio è situato in una zona nota alle cronache per lo sversamento dei rifiuti tossici. La commedia, scritta da Eduardo Tartaglia e messa in scena da Giuseppe Miale di Mauro, prende spunto da fatti drammaticamente saltati alla cronaca qualche anno fa.



«Sono felice – afferma il direttore artistico del “De Filippo”, Pierluigi Iorio – di ospitare in stagione Biagio Izzo, campione del sorriso, con la sua compagnia. Proponiamo una comicità non fine a se stessa, ma condita da spunti di riflessione, in modo da poter restituire al teatro la sua giusta funzione».

Si tratta del sesto spettacolo in cartellone ad andare in scena nel teatro agropolese. Per l’attore partenopeo è la terza volta al “De Filippo”, dopo aver portato in scena “L’amico del cuore” nel 2015 e “Bello di papà” nel 2017.
Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al Cineteatro “De Filippo” arriva Carlo Buccirosso

Condividi con:

E’ in programma venerdì 8 febbraio, alle ore 20.45, presso il Cineteatro “De Filippo” di Agropoli lo spettacolo “Colpo di scena”. Scritto e diretto da Carlo Buccirosso, si tratta del quinto spettacolo della quarta stagione teatrale ad andare in scena.

Questa la trama: in un classico commissariato di provincia, il vice questore Eduardo Piscitelli, conduce da sempre il proprio lavoro nel rispetto del più integerrimo rigore, con la consapevolezza di svolgere le mansioni di garante dell’ordine pubblico e difesa della sicurezza del cittadino con la tenacia e la fede di un missionario, inviato dal cielo esclusivamente per ripulire la terra dalle nefandezze degli uomini scellerati che minacciano la gente cristiana che vorrebbe condurre in pace una vita serena.



Nell’ufficio del paladino Eduardo, si barcamenano una serie di fidi scudieri nel tentativo di debellare “le barbarie di tutti i santi giorni” dall’inossidabile tartassato ispettore Murolo, ai giovani agenti rampanti Varriale, Di Lauro e Farina, all’esperta rassicurante sovrintendente Signorelli, una sorta di cavalieri della tavola rotonda, attorno alla quale si aggirano le insidie quotidiane della delinquenza spicciola, lontana sì dagli echi mortali del terrorismo mondiale, ma angosciosamente vicina al respiro del singolo cittadino, a difesa del quale il vice questore si vedrà costretto all’inevitabile sacrificio di un capro espiatorio a lui tristemente noto, tale Michele Donnarumma, vittima predestinata, agnello feroce dall’aspetto inquietante, che sconvolgerà la salda religione di Piscitelli, come il più spietato e barbaro dei saraceni!…

Intanto, è stata resa nota la data per il recupero dello spettacolo “Un ragazzo di campagna” di Peppino De Filippo, in programma il 25 gennaio scorso. La nuova data è venerdì 29 marzo. Nel contempo “La menzogna”, con Serena Autieri e Paolo Calabresi, slitta a venerdì 5 aprile.

Comunicato stampa

Condividi con:

Agropoli: al cineteatro “De Filippo” Stefano Accorsi con il suo “Giocando con Orlando”

Condividi con:

Con il nuovo anno, tornano gli appuntamenti al teatro “De Filippo” di Agropoli. Il nuovo appuntamento, il quarto della quarta stagione teatrale, è fissato per giovedì 17 gennaio, alle ore 20.45.

Sarà rappresentato “Giocando con Orlando”, con Stefano Accorsi. Attore, regista e drammaturgo, Marco Baliani ha trasformato i 38.746 versi dell’Orlando Furioso e le donne i cavalier, l’arme, gli amori nel nuovo spettacolo Giocando con Orlando, un’inedita ballata in ariostesche rime e una singolar tenzone per il palcoscenico.



Coincidenze, occasioni e imprevisti hanno generato questa nuova avventura, che parte dal successo dell’edizione di Furioso Orlando, e raccoglie la necessità e la rinnovata sfida di provare a esplorare il testo in una direzione ancor più radicale. Stefano Accorsi sarà il paladino Orlando, ma anche il cantore che aggancia i vari episodi nel flusso della storia.

Lo spettacolo parte dalle due storie d’amore principali: il paladino Orlando che insegue la bella Angelica e la guerriera cristiana Bradamante innamorata di Ruggiero, cavaliere saraceno destinato alla conversione, per poi moltiplicare i personaggi, creandone altri intorno, mostri compresi, per condurli a giocare sulla corrispondenza delle rime infilate in un ritmo galoppante, con molta improvvisazione verbale, con rime difficili da trovare, con gesti difficili da compiere.
Comunicato stampa

Condividi con: